RSS

I riti della Settimana Santa

18 Apr

Dopo la domenica delle Palme si dava inizio al rito della Settimana Santa, rievocando con laudi drammatiche gli ultimi giorni della vita di Gesù. Molto importante e sentita da tutta la popolazione di Cagnano come di altri paesi garganici era la celebrazione del giovedì Santo, quando nella Chiesa Madre durante l’ultima cena, si assisteva alla lavanda dei piedi e si cantava:

 Ggiuvedija Ssande

e lla Madònna ce ha mmisse lu mande

e ha mmisse lu mande e cce partì

Sóla sóla ce ne jì.

Jè gghiuta ngasa de Pelate,

là tróva lu figglie ngatenate.

– Vuja ferrare che facite li chióve,

facìtele lònghe e bbèn nzuttile,

chà hann’a passà li carne al mio figlióle devine.

– L’amm’a fà lònghe e bbèn nfurmate,

chè hann’a passà li carne e lli custate.8

 

La settimana culminava con la Via crucis del Venerdì Santo, quando dietro alle commoventi statue di Gesù morto, col costato sanguinante, e di Maria Addolorata che piangeva il figlio morto, tutto il popolo implorava:- “Gesù mio, perdono, pietà” e i bambini appostati sulle zone più elevate, nel quartiere Palladino, all’inizio del corso Giannone e all’Arco di San Giovanni, facevano un gran fracasso con le loro rangasce (grancasse) e li raganèdde. Qua e là si posizionavano anche i giovanotti speranzosi di vedere dare uno sguardo furtivo alla propria ragazza.

 

“In un locale piccolissimo in via Cannesi aveva la bottega mio nonno –  narra l’ingegnere Diego Mendolicchio –  dove, quando ero piccolo, c’erano ancora gli attrezzi del calzolaio. A questa bottega è legato un mio ricordo di ragazzo.  Arrivato all’età giusta, mia madre, all’avvicinarsi della Pasqua, mi fece costruire da Nicola Sanza falegname una grancassa (la rangàscia, micidiale strumento di fracasso), pagandola due paia di scamorze. Ma la grancassa era priva di cinghia si sostegno (si appendeva al collo), allora mamma mi mandò da mio nonno che prese le misure, tagliò la fettuccia (capescióla,  che si metteva ad occhiello alle scarpe alte e con l’elastico per infilarle), la inchiodò alla grancassa e m’infilò lo strumento appendendolo al collo. Delusione e rabbia: la rangàscia era troppo grande e il braccio troppo piccolo e non arrivava al giro completo della manovella.  Mio nonno inchinò la grancassa verso destra e così il braccio potè completare il giro. Che ti dico: uno stradivario del fracasso!  E allora di corsa mmédze a lla Còppa a far sentire la rangàscia stradivario e a raccogliere l’invidia dei miei amici.”

 

Uno dei momenti vissuti in modo forte e intenso era costituito dalla scena della Madre che andava incontro al Figlio, allorché confluivano due processioni: quella uscita dal Convento o da San Cataldo e quella della Chiesa Madre.

La drammaticità del venerdì santo si stemperava nella gioia del Sabato santo, allorché le campane risuonavano a festa, facendo cessare il lungo periodo di digiuno e di penitenza e la Quarandanna nera e magra veniva rimossa.

Appena si slegavano le campane, le donne facevano un gran rumore battendo le travi del letto sui trespoli e, per scacciare le pulci) dicevano:

 

Fòra fòra la cemeciara

Ca ce sònene li cambane!

 

Nelle case, ripulite dentro e fuori, fervevano i preparativi del fidanzamento e del matrimonio e le mamme si apprestavano a battezzare il proprio bambino, dopo avere approntato un camicione riciclando il proprio abito da sposa.  Nella giornata di Sabato di Resurrezione, infatti – come ricordano gli anziani – ce rumbéva lu lucìleje (si apriva il battistero) e, risorto Gesù, si poteva somministrare il sacramento del battesimo con acqua nuova benedetta. La Quaresima, periodo di digiuno e di penitenza, prevedeva infatti diversi divieti: di battezzare i bambini, di celebrare  il matrimonio, di fidanzarsi in casa e persino di dare parola di matrimonio. Tutto ciò era rinviato a dopo Pasqua o al Sabato Santo, come si evince dal testo che segue: 

 

Quarandasètte jurne sònghe state unèste

e cce sò state pe fféde e ppe prepòsete

e mmò che ssò mmenute li sande fèste

raggióne de córe ce ne jèsce tòste.

Sàbbete Sande sfèrrene li campane

e llu jurne de Pasqua nghiésa ce vedime.7

 

A San Giovanni Rotondo i divieti e i comportamenti da assumere nel periodo della Quaresima, si tramandavano con questa canzone:

 

Bèlla mò ce ne vane la Quarandana.

Mò ne nge fa l’amòre com’e pprima.

Mìttete na cròna lònga mmane

e vvatte sinde la mèssa ògne mmatina.

Sàbbete sfàrrene li cambane

e allòra facime l’amòre com’e pprima.9

 

A San Marco in Lamis si cantavano così:

 

Quarantasètte jurne jè la Quarèseme.

Non è ttèmpe cchiù de fà l’amóre.

Mìttete na crona jinte le mane,

decème uammarije e rrazione.

La matine che te jàveze da lu lètte,

vàttela sinde na prèdica devine.

Sàbbete Sande a sciolta d’e cambane

Ce vedème arrète com’e pprime. 10

 

           Per  Pasqua, inoltre, le donne erano affaccendate fare li taràlle spaccate, li taràlleine, li palòmme, li puperàte.

Il lunedì dopo Pasqua tutti andavano fuori paese a festeggiare la Pasquarèlla, con frittata di uova, mozzarella e asparagi, agnello a llu róte, taràlline e palomma.

 

 

 

 

8 Venerdì santo, la Madonna si è vestita col manto, si è coperta col mantello e partì, andò via da sola. Andò in casa di Pilato, dove trovò suo figlio incatenato. Disse ai fabbri:- Voi fabbri che fate i chiodi, fateli lunghi e ben sottili, che trapasseranno le carni al mio figliolo divino. – Li faremo lunghi e ben formati, perché trapasseranno le carni e il costato.

7 Sono stato fedele per quatantasette giorni, lo sono stato per fede e perché me lo ero ripromesso e ora che sono giunte le sante feste, le ragioni di cuore si fanno sentire. Sabato santo suonano le campane e il giorno Pasqua ci vediamo in chiesa.

9 Da Rinaldi, con adattamenti, op. cit. T18 pag 64.

10 Allo sciogliersi delle funi delle campane. Vedi Appendice, La Sorsa, con adattamenti.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 18 aprile 2014 in Senza categoria

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: