RSS

I canti narrano la condizione della donna

08 Mar

Gli uomini in passato corteggiavano la donna dedicandole canzoni d’amore nelle tipologie degli: stornelle, manuette e sunette.

Le canzoni d’amore elogiavano, anche con analogie, la bellezza della donna tentatrice, paragonata alla …. E alla colomba, come nella manuuètta che segue:

Nennèlla ne nde mètte cchiù a lla pòrta
E qquanda vóte passe ji te véde
A lli capille chi ce avite ndèsta
Ce chiàmene chinzóla-cristiiane
Te prèghe bbèlla nò ndi li ndriccià
Fattìli a ddói nnòcche, làscele appise
Scjata lu vènde e lli vò sbalijà
Jèsce lu sóle e li fa sderlucì.

Sderlucì palòmme
E ccóm’e ttè ni ngi ni sònne

Vóla éhi vóla
e ddimme tu li tua paróle
à llu pìiacére
vènghe qqua n’avìta séra
Pìiacére ngi ni sta
Jì mi vài pure a quà.16

Quando si vedevano rifiutati, però, gli uomini insultavano la donna con canzune de sdègne. Entrambi sul piano formale sono nella più parte dei casi degli strambotti, seguiti o meno da una strofetta, e se l’ottava del canto d’amore lasciava spazio alla speranza, quella di sdegno puntava i riflettori sulla la gelosia, la delusione e la rabbia.
I canti de sdègne erano destinati sia alla donna che non contraccambivaa il sentimento d’amore del cantore, sia alla mamma della donna che magari avrebbe voluto un “partito” migliore, sia a vicinato che non era riservato, sia ad un giovane rivale, di cui il cantore innamorato era geloso. Il disprezzo è espresso con metafore e analogie villane e sgarbate. Eccone qualche esempio:

2.3.1 Bbèlla che sta’ ngòppe a ssa mundagna,
pe mmàmmeta lu tènghe nu córe de sdègne.
Quanne vuja jate fóre a lla cambagna
Sèmbe còntra de me parlate de sdègne.
Se ce arrive a mmenì nda ssa sulagna,
héj’a appeccià lu fóche sènza lègne,
héj’a fa arde li mure e lli mundagne.
Pe stutà lu fóche ce vò l’acqua,
pe sseparà l’amóre ce vò la mòrte.29

Il cantore si rivolge alla donna e le dice di provare disprezzo verso sua madre, perché parla male di lui. Il giovane, pertanto, inveisce violentemente, minacciando di dare fuoco alla montagna su cui vive. Le ricorda infine che come l’acqua può essere spenta solo dal fuoco, allo stesso modo solo la morte può far cessare l’amore.
Le canzoni di sdegno attraversano il Gargano. A Sannicandro il disprezzo – rivolto questa volta proprio alla ragazza – si canta così:

2.3.3 Dònna nda lu tuo ciardine ce sònghe state
e mm’aje còvete li méle ammessute,
e mm’aje còvete i rusce e li ngannate,
e mm’aje còvete quidde ca m’è ppiaciute.
Aje rumaste lu uade appannate,
trascë chia vò trascî ca i’ sò sciute.

Ti lascio da candare aria de lazze.31

Il cantatore, soddisfatto, dichiara che ha posseduto la donna e che ormai non gli interessa più nulla di lei, pertanto può essere anche la donna di altri.

A Carpino lo stesso disprezzo si suole cantare con queste parole:

2.3.4 Facce de remungèlle ngiallenute
Te va vandanne che no mm’aje velute
Nde lu tuo ggiardine ce sònghe state.
La mègghia portagalle me l’héje magnate
Lu mègghie remungèdde me l’héje stepate.
llu vade l’hé rumase tutte rapètte.
chija vò trascî che trascë
che ji sò sciute e lla.32

A San Giovanni Rotondo in questo modo:

2.3.5 Ne nd’avandanne, dònna, che m’ha cacciate
Ji me vaje avvandanne de n’auta còsa
Jinte lu tuo ciardine ce sò state
E m’haje còte la cchiù ffrèscca ròsa.
Tanda lu pède lègge haje menate
Che lu patròne ne nge n’è ddunate.
Trasca chia vò trascî che ji sò sciute
E haje rumaste li pòrte sfasciate.

In ogni caso il cantore ricorre alla metafora del “giardino” e del “frutto” raccolto- rosa, arancia- vantandosi di essere stato il primo e di non essere stato scoperto (lu patròne ne nge n’è ddunate).
A Peschici, invece, il cantore canta la delusione e lo sconforto provato per avere coltivato con cura l’arblo, da lui chiantato e custodito, addacquato con il suo gran sudore, mentre quando i frutti erano maturi è venuto fuori un altro giardiniere per appropriarsene. Rimpiange, perciò, l’inutile fatica e il fatto di non avere avuto nemmeno un assaggio. Recita infatti il testo: Avès

 
1 Commento

Pubblicato da su 8 marzo 2014 in Senza categoria

 

Una risposta a “I canti narrano la condizione della donna

  1. azioni e tradizioni

    3 aprile 2014 at 15:55

    ottimo articolo, complimenti.

     

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: