RSS

Ce stéva mégghje quanne ce stéva péje

31 Ago

Narratrice– L’Italia unita, nel Mezzogiorno come a Cagnano Varano, dovette subito affrontare gravi problemi economici e sociali. Fame, miseria, disoccupazione sfociarono presto in proteste e rivolte molto dure. Il più  grave fenomeno di ribellione fu il brigantaggio, protesta violenta che abbiamo pensato di presentarvi con le scene di vita quotidiana seguenti.

Scena unica (quartiere del centro storico animato dai vicini)

Marietta e Michelina (mamma e figlia sedute in strada: la fanciulla con la testa sulle gambe della mamma che la spidocchia) – Luvì, luvì l’àja truate! Mamma quanda jè grosse! Férma, ca l’àja accide.[1]

Vicini (intorno a comare Grazia che setaccia la farina nella madia, cantano in coro) – Cummare cirne cirne/ e ttu che ccirne a ffà,/ se la fazzatóra còrre/e dde farina ne nge ne stà.[2]

Comare Grazia (al figlio)- Desgraziate, te l’à magnate tutte quande li fiche sècche[3] (si toglie la ciabatta con la destra e tenta di colpirlo). N’àvete e dduje jévene rumaste e te l’à magnate pure tu!

Giovanni– E chi ce l’avéva magnà?

Comare Grazia: Ce l’aviva ponne a fràteta ca da stanotte sta nda pandane a terà lu sciabbecone[4].  Te l’avéva ditte. E mo, pìgghete quisti![5]

Giovanni (piangendo)- Ihi, ihi, ma però a me me teneva fama e lu pane mbarejenute jè fernute.[6]

Grazia (affaticata e preoccupata, mentre sta rientrando in casa richiamato dagli strilli dell’ultimo nato) – Fazze cènd’anne ca ve pàreta e c’adduce quarche cosa da magnà. Jé da ‘na settemana can ne lu véde.[7] Pigghj e fosse succèsse quarche ccosa?

Marietta –  Che ddice, mare Grà, c’à dda succéde!

Grazia– E ch’àja dice. Sime ‘na famigghja de desgraziate. Stammatina vuléva fa lu pane, ma ccome l’avéva fà se la farina jé ffenuta la settemana passata?

Antonietta (altra vicina)- E mare Grà, stame nda li mane de lu Signore: Jisse ce vo penza!

Grazia– Ma lu Segnore lu sape ca sime assà e c’àmma magnà tutte li jurne? Mene male ca jé morta mamma, la bon’ànema. Viata te, mare Nduné ca ne ndi figghje da sfamà.[8]

Marietta– Ma che ddice, mare Grà, jè megghje jèsse ricche de carna.[9] E po’, che ti d’a dice a fìgghjete?

Grazia– E ch’àja dice: fìgghjeme grosse me l’à rrubbate lu state piemontese. Jè quatt’anne che fa lu suldate.[10]

Marietta– Lu ggiovene mija pe ne nfà lu suldate, c’è mmucciate nda lu Gruttulone[11].

Grazia– Necola à fatte la chemmogghia[12] cu la figghja de Bbarzolla, Dunatina e Carmela, duje cambiale, che ne nge ponne scagnà. So ffatte grosse e chia ce l’à dda pèigghjià! Mechéle, dec’anne, core de mamma, tira lu sciabbecone cu lu cumbare Jennare, ma che t’è dice, ponne purtà nu poche de pescama? Na vavusedda? Nénde. Ce sta a sajèetta! Ggiuanne, quatt’anne, penza sémbe a corre. E quist’avetu, lu vi,  me sta sucanne l’anima, vo sembe magnà. Criste ci’à vulute pigghià li guste[13]. Meseria e famma me mànghene maje nda sta casa. Nu povere patre ccome à dda fa: o c’accide sule o c’à dda arrangià.[14]

Antonietta– Mare Grà, mare Grà, li ggnendarme, arrivene li ggendarme!

Michelina– Mare Grà, vanne truanne proprj a te.

Grazia– Me lu diceva lu core, me lu sendeva recchia recchia ch’aveva jì a funì bbrutte.[15]

Carabiniere 1- Abita qui antonio Pazienza nato a Cagnano il 2 maggio 1818 e coniugato con Graia Di Rita?

Grazia (analfabeta, che non conosce l’italiano, alle vicine)- E che pparla frangese quistu qua!? Ji ne lu capische. (Si rivolge poi ai carabinieri)- Che ddice, che jate truanne?

Carabiniere 2- Antonio Pazienza è vostro marito?

Grazia– Ndoneje, si Ndonje jè marite a me. Come jè. Ch’à fatte?

Carabiniere 1– Ha tagliato cinque cerri al bosco di San Nicola Imbuti. Abbiamo anche un testimone oculare, il guardaboschi.[16]

Carabiniere 2– Voi sapete che è vietato tagliare alberi? Vostro marito non ha rispettato la legge e deve venire con noi.

Grazia– Li lena? Che lena. Qua n’à ddutte de lena.

Carabiniere 1- Dov’è vostro marito?

Grazia– Maritema jè gghiute a vvede addova à dda ji amètte li mane.

Carabiniere 2– se non ci dite dov’è vostro marito, passerete i guai!

Marietta– Ma lassatela stà a sta puverétta!

Carabiniere 1– Siamo la legge e la legge va rispettata!

Sarto istruito (richiamato dalle urla, si affaccia all’uscio)- Ma quali leggi, quale stato! Sapete solo dire: non si può tagliare legna di qua, non si può pascolare di là, non si può seminare nella Reseca, … pure la tassa sul macinato ci voleva!

Antonietta (solidale)- Nuja putime schitte murì de fama!

Sarto (evidenziando la magrezza e bloccando la cinghia al primo buco)- Risparmiare, stringere la cinghia, … ma si può più di così?

Mechèle (contadino infermo costretto a restare in paese)- A nuja zappature, nge penza nesciune![17]

Sarto– Avete fatto l’Italia, lo stato piemontese. Stato ladro. Ci rubate i figli nel cuore della gioventù, …

Marietta (interrompendolo)- L’àmme cresciute, allevate, sfamate, e quanne c’à dda iutà, lu state li manna a pigghjà.[18]

Donne (in coro)- Ce steva megghje quanne ce steva peje. [19]

Carabinieri– allora è vero, voi non siete con la legge, voi siete con i briganti? Siete briganti pure voi. Venite con noi!

Grazia– E ssì cu li bbregande, pecché li bbregande pénzene a nnuia puverétte.[20]

Coro– Uomini si nasce, briganti si muore.

Narratore– Studiando il fenomeno del brigantaggio abbiamo capito che ci vogliono buone leggi, che queste leggi devono tenere conto della realtà di chi le riceve, come si fa con un vestito nuovo. Lo stato italiano piemontesizzato non ha saputo tenere conto di questa esigenza e la condizione del Mezzogiorno è peggiorata.[21]


[1] Eccolo, eccolo, com’è grande! Ferma, che l’uccido (il pidocchio). All’epoca e fino agli anni sessanta del nostro secolo la pulizia e l’igiene lasciavano molto desiderare. Le abitazioni sovente costituite da un monolocale da cui entrava aria solo dalla porta, anche per motivi di sicurezza a causa del banditismo, non erano fornite di sevizi igienici. In quell’unico vano trovavano posto famiglie numerose, maiali e polli. Le strade erano invase da rifiuti. Si respirava aria insalubre, anche a causa delle paludi intorno al lago e della macerazione di lino e canapa praticata nelle adiacenze – così scrivevano gli amministratori.  Cfr.  L.CRISETTI GRIMALDI, Cagnano Varano, centro storico, economia, salute, costumi, società, Acropolis 1999, pp. 91-97; 169-176; 214-233.

[2] Il testo presenta la donna impegnata in un’attività in passato condivisa dall’universo femminile: setacciare la farina per fare il pane casereccio. Il cantore sembra ironizzare su questa donna che pretende vagliare la farina, che non c’è, in una fazzatóra (madia) bucata. Questo significato letterale, non esclude quello metaforico, che probabilmente vuole suggerire alla donna di prendere coscienza della sua condizione e di non coltivare illusioni. Cfr. L.CRISETTI GRIMALDI, Bbèlla, te vu mbarà de fà l’amóre, canti e storie di vita contadina, Centro Grafico Francescano 2004, pag. 69.

[3] Fichi contati, che le donne coglievano dall’albero del vicino, oppure da “lu terrine”, un piccolo appezzamento di terra alberato in genere da fichi e fichi d’india preso in affitto.  

[4] Fino agli anni sessanta del secolo scorso diversi ragazzini di Cagnano non frequentavano neanche la scuola elementare per aiutare la famiglia: i figli dei pescatori andavano al lago, quelli dei contadini in campagna o a garzone presso un possidente, per curare i loro animali. La scuola era ritenuta un lusso e perciò appannaggio degli abbienti. Nel 1837, su una popolazione di 5843 abitanti, costituita da possidenti, contadini e poveri, di cui 2971 maschi e 2872 femmine, il numero dei fanciulli dai 7 ai 12 anni era di 560. Di essi frequentava la scuola (allora gestita dai preti) meno del 10%. “Il numero degli alunni è scarso – motiva il sindaco Russi- a causa della negligenza e poca cura che i genitori hanno dei figli”. C’era allora un maestro per le ragazze e una maestra per i ragazzini. Quest’ultima, che riceveva uno stipendio pressoché dimezzato rispetto al suo collega maschio, istruiva le fanciulle ai doveri di religione, a leggere e alle arti domestiche. Riguardo al “risultamento” si legge: “Quella classe di alunni che hanno frequentato la scuola per lo spazio di circa 10 anni sono riusciti nel leggere, scrivere, abaco, il catechismo di religione e l’atto di buona creanza”. Cfr. A.S.F., Stato della pubblica istruzione di Cagnano, 1837. Nel 1861, quando fu unita l’Italia e si ritenne di promuovere la coscienza nazionale attraverso l’istruzione pubblica e statale, una sola donna in paese aveva i requisiti per insegnare, Maria Montefoschi, avendo manifestato “sentimenti di patriottismo, essendo sufficientemente istruita nella letteratura italiana e nella calligrafia come pure in tutte le arti domestiche sino al ricamo”. Il sindaco Gennaro De Monte, liberale, entusiasta partecipava in consiglio: che l’istruzione popolare fu negletta sotto il passato regime […] o affidata a precettori ignoranti e negligenti scelti ad arte per abbrutire il pensiero; […] che l’educazione che il governo intende promuovere è l’unico mezzo per condurre l’uomo alla propria dignità, di appartenere cioè alla grande nazione italiana; che in questo comune abbisognano almeno due maestri, […] un maestro per la prima classe e uno per la seconda”, come voleva la legge Casati del 1859, estesa a tutto il Regno. Cfr. intervento di don Gennaro De Monte, 25 maggio 1861 in L. CRISETTI GRIMALDI, Cagnano Varano … cit., pp. 181. E siccome la legge del 7 gennaio 1861 stabiliva che lo stipendio annuo dovesse ammontare a 500 lire mentre il comune aveva deliberato di stanziare in bilancio la somma complessiva di 150 ducati da ripartirsi tra in due maestri, assegnando 100 ducati al maestro e 50 al sottomaestro, don Vincenzo Donatacci fece reclamo al sindaco. Qualche anno dopo si portò all’attenzione dei consiglieri la necessità di un asilo, ma anche nel 1870 tra gli amministratori c’era chi riteneva che “la popolazione eminentemente agricola e dedita alla pastorizia e alla pesca, poco  o nulla avrebbe potuto avvantaggiarsi di tale istituzione per il costume sovente volte pensato dal bisogno, di menar la prole fin dai teneri anni dappresso ai genitori per essere avviato al proprio mestiere.” Ivi, pag. 182. L’euforia con il tempo si spense, soprattutto di fronte alle spese da sostenere per gli insegnanti, i locali, il mobilio, … tutti a carico del comune. Allora, come oggi, non c’erano fondi per l’istruzione e in un paese di poco più di 4000 anime – a tanti erano scesi nel primo ventennio dell’Unità-, quattro maestri sarebbero stati superflui, ad onta del Regio Decreto 23.11.1868 che obbligava i comuni che superavano i 4000 abitanti ad istituire scuole maschili di grado superiore. “In questo paesetto quattro maestri! Uno sciupio inutile di denaro – considera ll’assessore Petruzzelli nel 1873 – ora massimamente che le finanze sono così ristrette e che i bisogni dell’amministrazione, la necessità dei cittadini richieggono provvedimenti di maggior utile e maggiore importanza”. Molti amministratori che si avvicendarono nel primo cinquantennio dell’unità furono sostanzialmente conservatori in fatto di istruzione, prova ne è anche un intervento riguardo alla scuola dell’infanzia ritenuta da un consigliere “inutile e nociva agli interessi del comune” dato che gli alunni lo frequentavano “solo per il vitto”, laddove a quell’età i bambini avevano bisogno solo “di giochi all’aria aperta e luce”. Le leggi del nuovo stato fortunatamente frenarono in qualche modo i conservatori e diedero vita anche all’asilo (oggi scuola dell’infanzia), che nel 1893 era sito nei locali dei Padri Riformati francescani e contava 65 iscritti.  Quanto all’elementare, vorrei ricordare che solo nel 1877 fu assunto il maestro per le classi terza e quarta, lo stesso in cui fu varata la legge Coppino. Il calendario scolastico pure in quel tempo si adattava alle esigenze di contesto e, siccome i fanciulli erano portati a disertare le lezioni con i primi caldi, fu anticipata l’apertura e la chiusura, previste di norma rispettivamente a settembre e a luglio. Sin dai primi anni dell’unità, non essendoci una scuola, le lezioni si svolgevano in locali presi in affitto da privati: di Sanzone, di Fini, di Radoia, di Caizzi, di Pelusi, di Ricci, di Palladini, di Giornetti. Nomi che i cagnanesi ben conoscono, gli stessi che erano entrati in possesso di parchi e mezzane, che si erano costruiti i casini di campagna con un piano elevato e i palazzi gentilizi dentro l’abitato, a più piani, con portali e stemmi, che dovevano fare parlare di sé, i medesimi che vantavano un parente sacerdote e che si avvicendarono a palazzo di città o negli istituti di beneficenza pressoché ininterrottamente fino ai due conflitti mondiali. Dal 1886 fu approntato il progetto dell’edificio scolastico, ma nel 1910 non fu ancora realizzato tanto che il sindaco uscente, Domenico Bosna, ne fu rammaricato, dispiaciuto di “non avere potuto accogliere i fanciulli, che si affacciavano alla scuola per ricevere l’istruzione, e che si rimandavano a casa per mancanza di aule scolastiche.” Si augurava che l’amministrazione successiva avrebbe provveduto a costruire la scuola, come allo sdoppiamento delle classi maschili e femminili, tanto più che non avrebbe gravato molto sul bilancio del comune, dato che la spesa sarebbe stata sostenuta per due terzi dallo stato. Bisognerà, tuttavia, attendere ancora circa un ventennio perché il primo edificio scolastico, insieme ad altre opere pubbliche necessarie al paese – macello, acquedotto,  mercato coperto di frutta e pesce- pensate e progettate negli anni postunitari, soprattutto con la Sinistra al potere, vedranno la luce  solo all’epoca del Regime. Il rapporto alunni/insegnanti nei decenni postunitari era elevato, basti pensare che nel 1882 il numero degli iscritti alla classe prima era di 100 tutti affidati ad un solo insegnante. Scarsa la frequenza dei maschietti di quinta elementare, pressoché nulla quella delle femmine. Vistoso il fenomeno delle ripetenze, anche per via della frequenza irregolare. A fine secolo aumentarono gli iscritti, contandone fino a 150 per classe. Pochi però sopravvivevano e raggiungevano le classi quarta e quinta, tanto che nel 1896 queste classi non si poterono formare. Nel 1902 finalmente nacque la classe quinta femminile, riconoscendo che “la donna ha compiti gravi come madre di famiglia, specialmente in riguardo all’educazione dei figli e della formazione del loro carattere”. Il consiglio Pepe deliberò altresì che fossero istituite le scuole serali per adulti “affinché gli operai imparassero non solo a leggere e a scrivere, ma a conoscere e a praticare i propri doveri di padri di famiglia”. Ivi, Intervento del sindaco Pepe, 29 novembre 1902.

[5] All’epoca si educavano i figli con la frusta, in base al detto “mazze e panèlle fanne li figghje bbélle, pane e senza mazze fanne li figghje pazze” (lett. botte e pane fanno i figli educati, pane senza botte fanno i figli pazzi).

[6] Fino agli anni sessanta del secolo scorso i cagnanesi panificavano in casa e prima delle leggi eversive della feudalità avevano l’obbligo di far cuocere il pane a lu furne de la terra (prima del feudatario, poi del comune) pagando una gabella. Cfr. Il. CRISETTI GRIMALDI, Il pane casereccio in Cagnano Varano …  cit., pp. 224-232;  EADEM, L’agonia feudale e la scalata dei ‘galantuomini’, Cagnano Varano: l’onciario, il murattiano e le questioni demaniali, tomo 1, pp. 66-67. L’Università possedeva il forno, “una con la casa cedutoli dall’Ill. Possessore di essa Terra da molti anni sono, situato sotto la casa delli Mag.co Michele e Marino di Pumpo, nella quale casa c’era un altro forno, utilizzato nelle contingenze, traendo un beneficio di 90 ducati annui.” Era allora proibito ad altri cittadini formare fornelli in casa per uso proprio. Neanche il feudatario poteva avere un altro forno, dato che aveva ceduto tale diritto all’Università con lo strumento d’Acordio del 1617.

[7] Il lavoro sovente costringeva i mariti a restare in campagna anche un mese.

[8] Il popolo aveva difficoltà a soddisfare i bisogni elementari. Al momento dell’unificazione la miseria acuì anche perché gli usi civici furono negati e la promiscuità contestata. All’epoca del sistema feudale invece agli abitanti del feudo era  garantito il diritto all’uso, riservato sulle terre boschive, seminatorie e pascolatorie, basato su longa consuetudo. Cfr. L. CRISETTI GRIMALDI, L’agonia … cit, tomo 1 pag. 96. Al tomo 2, pag. 49 si legge che nei “pascoli dei demani – Difese di Cagnano, Carpino e Isola Varano-, i pastori del posto fruivano dei pascoli demaniali”, esercitando di fatto “la promiscuità, per cui i cittadini di Cagnano e di Carpino avevano facoltà ‘di pascolare tutti gli animali domiti’ per tutto il tempo dell’anno, riservandole per uso delle Pecore della Regia Dogana di Foggia, quattro mesi, dal 25 dicembre al 25 marzo dell’anno successivo. Il diritto dell’erba era goduto anche dall’Università in virtù dell’instrumentum d’acordio del 1617, stipulato tra Comune e antichi possessori, in base al quale “in tutto quel territorio, i cittadini e il Comune stanno nel pieno e antico possesso di pascolare i loro animali, seminare, legnare, e servirsene ad ogni uso a loro libertà”. Quando, però, a seguito delle leggi eversive, i più audaci e colti del paese occuparono estese superfici pascolatorie dette Parchi, destinandole in parte ad altro uso, il godimento degli usi civici fu precluso ai comunisti. Originò in questo modo l’atteggiamento d’intolleranza verso la promiscuità voluta da Zurlo, creando problemi di sopravvivenza ai piccoli pastori. In L’agonia… cit, tomo 2, pp. 85-86. Il problema della promiscuità accese forte liti soprattutto nel periodo post unitario tra cittadini e parchisti. “Adesso – scrive M. d’Apolito nella sua Relazione del 1886 – un piccolo colono si fa due animali vaccini, paga dieci lire l’anno, li pascola nella Comune, ha con che arare la terra e cammina avanti. Un piccolo massaro adesso, ad un centinaio di pecore paga centesimi 72 all’anno per ogni pecora, le pascola nella Comune e tutto progredisce bene […]. Un povero bracciante tiene un figlio, che non ha ancora raggiunto l’età di poter lavorare la terra, vuole utilizzarlo diversamente, compra due troie, le affida al figlio, paga tanto al Comune ed ha cominciato un’industria.”  Lo scioglimento della promiscuità, voluto dagli emergenti galantuomini danneggiando  il popolo, secondo il consigliere d’Apolito sottendeva anche una questione morale giacché “è nel dovere di ogni rappresentante del popolo fare quello che il popolo vuole e il popolo non vuole lo scioglimento della promiscuità, richiesta a gran voce da pochi individui, pochi proprietari che, trovandosi quasi tutta la loro fortuna esser proprietà del Comune, coloro essere semplici fittuari vorrebbero sotto l’ombra della Divisione demaniale, diventare proprietari assoluti e farsi feudatari del paese, alla barba del popolo che geme, e che sta pagando tante tasse per sdebitare il Comune, e quindi noi dovremmo quel poco che ci resta ad otto o nove famiglie, e per poi andare in seguito a cercar l’elemosina alle porte delle loro case, o pure essere mandati come cani per non morire dalla fame a lavorare nei loro feudi, che ora sono la industria e la risorsa del paese, per dieci soldi al giorno.” Ivi, pag. 89.

[9] “Meglio essere ricchi di carne” (di figli). Lo si diceva in passato quando si era poveri, forse per consolarsi.

[10] Il servizio di leva obbligatorio esteso inizialmente a 7 anni poi ridotto, fu molto osteggiato dalle popolazioni del Sud, anche dai cagnanesi, oltre che dagli amministratori che per accompagnamento, diaria e altro si sottoponevano ad altre spese. “In quest’anno è occorsa di partire tre volte per la leva in San Severo, con grave spesa del comune. Occorrono almeno lire 849.980 per pagare l’indennità ai conducenti e la diaria agli iscritti e alla guardia nazionale che li scorterà” – lamenta il sindaco De Monte. Cfr. A. C. V, Registro delle delibere, 2 novembre 1863.  Nel documento si leggono diverse richieste di vedove che implorano gli amministratori affinché in propri figli vengano esonerati dal servizio di leva. Chi non si vedeva accolta la domanda diventava latitante.

[11] Lett. il grottolone, una grotta un po’ più grande di mille altre esistenti nel territorio di Cagnano, anche dentro l’abitato, dove si rifugiavano i ladruncoli e i fuorilegge e dove, da piccoli hanno giocato anche i bambini. Tra il 1800 e il 1840 i briganti Pronio, Rodio, Fra Diavolo, “lo stato maggiore della tremenda compagnia dei tre fratelli Vardarelli che dopo tante inaudite violenze, assassini, ratti e danni d’ogni sorta compiuti in tutti i paesi della Puglia, della Capitanata […] alla fine caddero ingannati dall’ astuzie del governo- fecero della grotta Memmone, in contrada arena il loro quartier generale. Cfr. N. DE MONTE, Una gemma del Gargano, Arti grafiche il pescatore, pp. 87-88. Anche nellpanno dell’impresa dei Mille questa grotta ospito briganti “che riempirono di stragi le canoagne e i paesi garganici; ma finirono anch’essi trucidati o sulla forza, o in galera”. Ibidem.

[12] La donna si lamenta per le sue condizioni familiari: Nicola è scappato con la sua innamorata,  Donatina e Carmela non riescono a trovare marito, Michele ha dieci anni e lavora di notte nel lago per pescare le anguille con il compare Gennaro, senza portare a casa neanche un mazzone. Niente! È miseria. Giovanni, quattro anni pensa solo a correre di qua e di là. Inoltre, c’è l’ultimo nato che le succhia l’anima, vuole sempre mangiare.

Fare la chemmogghia faceva parte di un rituale consistente nel mettere in un telo tessuto qualche indumento per poter vivere qualche giorno lontano da casa. L’espressione è nota anche come fare la fiuta che in molti casi vedeva consenzienti la giovane donna e il giovane uomo. Diverso era il rapimento o la ngappata, che vedeva la dona vittima della prepotenza maschile. Tali costumi attraversavano il Gargano. Cfr. in Bbélla, te vu mbara … cit., a pag. 188, La storia di Michelina e, a pag. 178, Ce hanne ngappate rRusunella, « Una volta, quando hanno rapito Rusenèlla, c’ero anch’io. Facevamo la raccolta delle olive nei pressi del passaggio a livello. Un gruppo di giovani si è disposto in cerchio: chi con i bastoni, chi con gli schioppi, chi prendeva la ragazza per le gambe, chi per le braccia, l’hanno presa di prepotenza e portata via, mentre lei gridava alle sorelle:- Venite a liberarmi! Il rapimento si verificava, dunque, anche mentre si lavorava a giornata in campagna, durante la raccolta delle olive, quando c’era tanta gente. La condizione femminile era allora paragonabile a quella di una bestia. Vedi anche nella stessa opera: Sezione quinta, Estrapolando, pp. 311-327.

[13] Il Cristo in cui ripongono fiducia i cagnanesi è molto umanizzato, pare che anche lui ci metta lo zampino nelle disgrazie degli uomini. Cfr. L. CRISETTI GRIMALDI, Bbélla, te vu mbarà …, pp.    

[14]  La condizione sembra legittimare i furti di bestiame, i tagli degli alberi, il pascolo abusivo. Gli amministratori sia prima, sia dopo l’unità riprovavano il comportamento del “popolaccio”. Il padrone del fondo non poteva opporsi, perché sarebbe andato incontro ad altra violenza, ovvero ad un cimento, come dice la fonte. Gli attentati erano rivolti soprattutto alle colture arboree: “Mentre i pastori pascono gli animali affidati alla loro custodia, nei fondi coltivati tagliano gli alberi fruttiferi ed ogni sorta di legnami che li viene davanti senza pericolo alcuno per accendersi il fuoco per farsi la legna per uso delle proprie famiglie. Non si fanno scrupolo nell’inverno a ramare gli olivi nel modo più barbaro, onde i bovi si nutriscono delle foglie e dei rami. A compiere attentati alla proprietà, oltre ai bovari, era il popolaccio, costituito da uomini e donne di ogni età, “che nell’inverno non si fanno scrupolo di tagliare e ramare qualunque albero non esclusi gli olivi per farsi la legna pel fuoco”. Insieme al popolaccio, c’erano anche alcuni benestanti, o, come dice il documento, “quelli che detengono del loro, gente che distrugge tutto frutta matura e immatura, diramano, distruggono, calpestano e danneggiano essi più dei bruchi. In tempo di ricolto delle olive, si fa assai di peggio”. Il cosiddetto “attacco alla proprietà”non era un costume nuovo: di fatto si erano verificate ripetute occupazioni delle aree demaniali giànell’ultimo decennio del Settecento e a diverse ondate nelll’Ottocento, specie in seguito alle leggi eversive della feudalità. Fervide occupazioni e attentati alla proprietà furono quelle del 1848, allorché alcuni amministratori attribuirono la responsabilità ai preposti alla vigilanza che, permettendo la dissodazione delle terre a pendio e di altri luoghi del demanio, hanno avuto di mira sempre di vantaggiare se stessi. Per difendere la proprietà e frenare le violenze d’ogni genere, originate sia dalla miseria, sia dalla prepotenza, per sollevare le sorti dell’agricoltura, nel 1854 l’amministrazione pensò di rafforzare l’istituto della vigilanza. Cfr. A. C. V., Atti amministrativi, Registro delle delibere. Neanche questo provvedimento, però, tranquillizzò i proprietari, perché le guardie rurali, malgrado i richiami ai propri doveri da parte delle superiori autorità, non ottemperarono ai loro compiti. C’era chi giustificava il comportamento delle guardie, attribuendo la responsabilità agli amministratori, che si servirono del corpo incaricato della vigilanza, pagato dal Comune, per tutelare la proprietà privata. Leggiamo, infatti, che il 28 ottobre 1872 il consiglio Sanzone deliberò di istituire per i mesi di novembre e di dicembre – quelli della raccolta delle olive – tre guardie rurali. Tre giorni dopo il Consiglio ritornò sull’oggetto deliberando che dovessero scegliersi 5 guardie campestri per cinque anni col mensile di 29.80 ciascuno, con lo scopo di guardare la proprietà, dato che si verificano furti continui, incendi a diversi covoni e violenze di ogni genere. Quest’abuso originò malumori e contrasti in seno al Consiglio, dove alcuni amministratori si opposero alla deliberazione, perché ritenevano che i proponenti in quel modo volessero essere garantiti nelle loro proprietà private a danno e a spese dell’erario comunale. Fu, poi, istruita persino un’inchiesta sulle guardie campestri, i cui risultati videro implicati anche i proprietari, ma il servizio di vigilanza fino alla vigilia della grande guerra non migliorò.  Il cattivo funzionamento del servizio “affonda le radici nella consapevolezza dell’impotenza delle guardie rurali, nella frustrazione di questi impiegati che, anche quando erano stati in grado di accertare il danno commesso nei confronti dell’amministrazione, non erano riusciti a consegnare il colpevole alla giustizia, per la paura dei proprietari danneggiati, i quali non si curarono di farsi rivalere civilmente e penalmente. Di fatto ci fu collusione tra guardaboschi – guardie rurali – proprietari- amministratori. Le istituzioni, preposte a far regnare la legalità, finirono col fomentare l’illegalità e, anche dopo l’inchiesta, i furti e gli abusi continuarono: le guardie tacevano o camuffavano verbali in cambio di vino o di danaro – così è scritto nel documento. G. Pepe, nel 1914, addossò esplicitamente la responsabilità agli amministratori. Leggiamo, infatti: “Se in passato il corpo ha dato cattiva prova di sé, ciò non è dipeso esclusivamente dalle guardie, ma dagli amministratori, i quali si servivano di esse per la tutela della loro proprietà, distraendoli dall’adempimento dei loro doveri.”41. Cfr.  L. CRISETTI GRIMALDI, L’agonia feudale cit. , pp. 165-166.

[15] L’espressione sembra confermare l’opinione secondo la quale le donne avrebbero un sesto senso. Grazia sentiva nel cuore che sarebbe accaduto qualcosa di spiacevole.

[16] I tagli di alberi erano frequenti sia nei boschi a sud dell’abitato sia nel bosco di San Nicola Imbuti, situato a nord ovest di cagnano. Da una nota al Prefetto di Capitanata, datata 1 febbraio 1878, si apprende che gli eredi di Forquet denunciarono il comportamento dei cittadini di Cagnano, per il fatto che esercitavano diritti non dovuti nel fondo boscoso da loro posseduto, “proveniente per compra dallo Stato”. “[I cittadini] si permettono di tempo in tempo di entrare in detto fondo in gran numero, fino a duecento al giorno, ed ivi menar giù alla rinfusa alberi vegeti e rigogliosi e ridurli a legna, lo che non solo costituisce una violenza contro la proprietà, ma è altresì una violenza contro la legge forestale, che vieta il taglio così alla rinfusa di alberi di sana vegetazione. I cittadini, insomma, pretendevano esercitare il diritto di legnare a secco, che gli esponenti non riconoscevano. Cfr. L. CRISETTI GRIMALDI, L’agonia feudale … cit., tomo 2, pag. 39.

[17] L’Italia liberale in realtà non aveva badato alle condizioni della plebe, che rimase tagliata fuori dal progresso.

[18] Li abbiamo messi al mondo, allevati, sfamati e ora che è giunto il momento di restituirci le nostre fatiche, lo stato li chiama a servire la patria.

[19] “Si stava meglio quando si stava peggio”: un pensiero che non è nuovo, ma che veste bene la realtà di Cagnano soprattutto se si mette a confronto l’andamento demografico dei periodi pre e postunitario. Se tra la seconda metà del Settecento e il primo decennio dell’Ottocento a Cagnano si registrò un notevole incremento demografico, la città si estese oltre i confini del borgo antico, le attività agro-silvo-pastorali furono rilanciate, il commercio cominciò ad espandersi e la pesca prese a trarre qualche beneficio, nella seconda metà dell’Ottocento le condizioni materiali dell’esistenza dei cagnanesi peggiorarono, segnando una battuta d’arresto anzitutto alla crescita della popolazione. Osservando l’andamento del movimento demografico cagnanese si evince, infatti, che alla forte impennata registrata tra il 1750 e il 1797, dopo la seconda ascesa verificatasi tra il 1810 e il 1850, si assiste ad un sensibile calo concentrato tra il 1861 e il 1881. Sulla base della testimonianza del sindaco Matteo Sanzone, che nel 1875 Cagnano segnalò la mortalità di 300 individui l’anno, 3000 in un decennio, temendo che la popolazione andasse distrutta, si può scartare l’ipotesi della bassa natalità. Lo stesso Sanzone fa sapere che nel decennio 1893-1902 su 1936 nati, ne erano morti 1797, con un aumento di appena 138 abitanti. Le cause delle “paludi” e della “malaria”, portate a pretesto dal sindaco, non sembrano sufficienti a spiegare il fenomeno. Il ventennio di crisi [1865-1885] coincide con il primo periodo postunitario e i governi di destra dei Savoia, allorché a Cagnano fu un susseguirsi d’annualità critiche, segnate da alta mortalità, connesse sia a calamità naturali, carestie, colera e malaria, sia alle “turbolenze”, alle violenze del brigantaggio, alle questioni demaniali e fiscali. Neanche negli anni della Sinistra al potere le condizioni sociali migliorarono. E’ significativo, a tale riguardo, anche il susseguirsi di incendi degli anni Ottanta e Novanta: a Cutino Rosso, Cutino della Pietra, Paglizzi e Puzzone dell’agosto 1887, che richiesero £ 181, 70 perché fossero estinti, a Canale Mortale e Rivolta del 1888, che costarono al Comune £ 62,00, a Uomo morto, Vadivina, Cutino della Pietra montagna di Selvapiana, Treccerri e Folcara del 1889, che richiesero £ 268,52, alla contrade Selvapiana, Castel Guarnero, Valle Puntone, Arena, Treccerri, Postofitto e altre zone del 1890, che costarono £ 398,75 per compenso agli incaricati di estinguerli; al Cutino della Pietra del 1892, che richiese l’impegno di 22 individui indefessamente per spegnerlo, a Corte Iannone e Valle Jannina del 1894, a Don Luisi, Jungarella, Romingero, Paglizzi, Piscone, a Gioffo e Valle Jannina del 1902, senza tener conto dei minori incendi in proprietà private.

[20] La complicità della povera gente con i briganti, nel bene e nel male, è un fatto acclarato dalla letteratura.

[21] Il Settecento sembrava aver segnato l’inizio del progresso, di quella modernizzazione che non avrebbe potuto essere senza la diffusione delle idee illuministiche, le quali, con la dominazione francese, echeggiarono anche in questo tassello del Gargano. Una modernizzazione che ha configurato, tuttavia, una nuova stratificazione sociale e un nuovo concetto di proprietà, poiché all’accezione borghese della stessa, affermata nel codice di Napoleone, si sovrappose nelle province meridionali, un sistema di produzione e dei rapporti sociali di carattere arretrato, che andava a favore di chi aveva in mente di trarre profitto dalla mancata divisione.  Con la complicità delle leggi eversive, dunque, i Sanzone, i Pepe, i Giornetti, i Russo, i Curatolo, i De Monte, i Palladino, i Polignone, i Radoia … andarono a sostituire i Brancaccio e gli enti religiosi sotto il profilo possessorio, modificando il volto dell’economia e della società cagnanese. I cambiamenti, perciò, non aiutarono la maggior parte della popolazione, che non poteva nemmeno mangiare pane a sufficienza, dato che il prezzo era aumentato. Insomma nel corso della seconda metà del 1800 le condizioni di vita della povera gente (“i cafoni”) peggiorarono, allorché i nuovi padroni (“i galantuomini”) usurparono i terreni del demanio e negarono gli usi civici, divenendo ricchi proprietari e allevatori e – sempre gli stessi- amministratori del paese, imposero le gabelle e dazi sul consumo di beni di prima necessità a chi non aveva nulla. Il ministro S. Sonnino in un discorso aveva evidenziato la triste condizione del contadino del Mezzogiorno, alienato da “tutte le libertà” e “dalle istituzioni dell’età moderna”, costretto a vivere “come le bestie”, contadino al quale non restava che la libertà di scegliere “tra il soffrire la miseria lavorando o lo smettere e morire.” Anche qualche giornale di Sinistra aveva stigmatizzato, da un lato, lo sfruttamento dei lavoratori delle terre in Puglia e la loro dura vita, e, dall’altra, la distrazione dei parlamentari: “La plebe non assapora la carne per anni interi, si nutre di legumi, soffre spesso la fame, l’aspetto suo impietosisce i cuori più duri. Quale deputato pugliese ha mai preso la parola in riguardo?”  Gli anarchici, e tra essi il cagnanese Carmelo Palladino- che avevano sposato la causa dei poveri coloni sfruttati, non riuscirono a concretizzare i loro progetti. I demani usurpati, la ricchezza mal distribuita, l’attentato agli usi civici, la fame di terra dei coloni, la condizione di precarietà dell’esistenza, minacciata anche dalla malaria e dal colera, sono alla base delle agitazioni di massa dell’ultimo ventennio dell’Ottocento, che hanno messo in crisi varie amministrazioni comunali, costringendole a dimettersi per la loro incapacità a fronteggiare gli eventi. Eventi che hanno indotto alcuni intellettuali ad aderire al movimento anarchico. Proprio a Cagnano si attivò nel periodo postunitario una sezione dell’Internazionale socialista, registrando fra gli affiliati i compaesani Antonio Fini, Alessandro Bosna e Carmelo Palladino, Luigi della Monica di Sannicandro e Giuseppe Bramante di Carpino. Figli di professionisti, che avvertirono il bisogno di organizzare le masse popolari, combattendo contro le ingiustizie sociali. Nel 1878 la società di mutuo soccorso contava 250 soci. Il prefetto di Capitanata, preoccupato, esortò il sottoprefetto di San Severo a vigilare. In quell’anno, sotto la spinta di anarchici e repubblicani a Cagnano furono occupati “numerosi fondi usurpati e anche fondi privati”. L’anno successivo le popolazioni di Cagnano e di Carpino si rivoltano contro gli amministratori comunali, accusandoli di “abusi” e di “ruberie”. Qualcosa si moveva, dunque, anche a Cagnano, che nel 1879 contava 18 affiliati al movimento anarchico, il quale riconobbe come leader Carmelo Palladino, che proprio in quell’anno fu arrestato con l’accusa di “cospirazione diretta a distruggerei poteri dello Stato”. Cfr. L. CRISETTI GRIMALDI, Cagnano Varano … cit, pp…… e L’agonia feudale cit., pp…. La legge 2 agosto 1806 abolì, dunque, la feudalità “di diritto” ma non “di fatto”: molte altre leggi dovettero seguire a quella, perché gli abusi e le usurpazioni accennassero a cessare. I baroni agiati non persero il loro splendore. Ad essi si aggiunsero i nuovi arricchiti e sempre più avidi di arricchire”, che uscirono finalmente dall’ombra, emulando i comportamenti degli ex feudatari, mentre il popolo non mutò condizione e, rassegnato, neanche sembrava desiderare il cambiamento, come risulta anche dal triste e realistico commento di uno studioso. “Il popolo è immobile come l’acqua del mare a tanti metri sotto del suo livello, è saldo nelle sue consuetudini, profitta poco e lentamente delle riforme di libertà fatte a suo pro; e, ora in un modo, ora nell’altro, soffre sempre meno l’abuso, la forza, la prepotenza di chi […], ei considera quale suo padrone. Esso è ignorante […], è sempre servo o di uno, o di pochi, o di molti. Guardiamo la realtà […], e a centinaia vedremo gli uomini tristi, che ne’ loro Comuni fanno e disfanno quel che meglio lor talenta in danno dei Comuni stessi e del popolo; al quale, come ai fanciulli, bisogna fare il bene a forza.  Commento tanto più preoccupante, quanto più si pensa che oggi la realtà dei piccoli Comuni è pressoché uguale, nonostante siano passati due secoli di rivoluzioni, di lotta all’oscurantismo e di alfabetizzazione strumentale e culturale. Torna utile, a questo punto, l’analogia con una scena tratta da “Il Gattopardo” di T. Di Lampedusa, che vede protagonisti il piemontese Chevelley e il principe don Fabrizio, nella cornice dell’Italia unita. Davanti allo scenario di squallore e di miseria, l’amministratore piemontese era spinto a credere che con la nuova amministrazione “nuova, agile e moderna” di Vittorio Emanuele II, tutto sarebbe cambiato nel Mezzogiorno, mentre il Principe – siciliano – non si faceva illusioni. “Tutto questo – pensava, riferendosi alla miseria della popolazione – non dovrebbe poter durare; però durerà, sempre; il sempre umano …; e dopo sarà diverso, ma peggiore. Noi fummo i Gattopardi e i Leoni; quelli che ci sostituiranno saranno gli sciacalletti, le iene; e tutti quanti Gattopardi, sciacalli e pecore, continueremo a crederci il sale della terra”. Cfr. L. CRISETTI GRIMALDI, L’agonia feudale … cit., tomo II, p.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 31 agosto 2011 in storia

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: