RSS

Francesco Romano Ferrante non è più con noi.

03 Ago

 

Ci ha lasciati il primo agosto 2009 all’età di sessantanove anni. Pare che sia stato colto da malore mentre era in auto lungo la SP 43 che conduce a San giovanni Rotondo. Alcuni riferiscono di aver visto la sua macchina presso la contrada Rivolta, territorio di Cagnano Varano. Aggiungono che Francesco ha chiamato il 118 e che, purtroppo, non ce l’ha fatta.

I funerali hanno avuto luogo a San Severo il due agosto alle ore 17.00 nella chiesa di Cristo Re. Pare che sia giunto a Cagnano dietro invito della Pegaso, associazione che nella serata de 31 ha realizzato la sagra delle orecchiette [li recchjetélle], dove le anziane del luogo hanno insegnato ai giovani come si fa questa pasta casereccia, e che Francesco avrebbe promesso di documentare questa “arte”.

Cagnanese di origine, Francesco Romano Ferrante, dopo aver trascorso a Roma gli anni dell’adolescenza, ha fissato la sua residenza a San Severo, dove viveva insieme alla sua famiglia. Durante il tempo libero svolgeva le attività di giornalista e di storico.

Nella sua mente sono rimasti indelebili i ricordi del paese che ha registrato i suoi natali: Cagnano Varano. Ne sono testimonianza le sue visite ricorrenti e soprattutto i suoi scritti. Gli interessi storici e antropologici di Francesco Ferrante hanno comunque spaziato, estendendosi a tutto il Gargano e alla Capitanata. 

Ogni volta che giungeva in paese credo avesse in mente di effettuare qualche riscontro. Ed eccolo impegnato a salutare persone, a fare domande, a perlustrare luoghi, a verificare le ipotesi che aveva in mente, come fa lo storico.


E’ stato socio dell’Istituto Nazionale per la Storia del Risorgimento Italiano; membro del Consiglio Direttivo dell’Archeoclub d’Italia (sede di San Severo) e del Centro di Ricerca e di Documentazione per la Storia della Capitanata. Ha assunto, negli anni ’90, per l’area garganica, il compito di Ispettore Onorario della Soprintendenza ai Beni Archeologici di Puglia.

Ha pubblicato

1.      Manifestazioni in onore del chirurgo Nicola D’Apolito (Edizioni Centro Grafico Francescano – Foggia 2002);

2.      Il Centro Storico – Le Nostre Radici (Grafiche A. Iaconeta – Vieste 2003);

3.      Uomini, Luoghi, Memorie – Dal Gargano all’Alto Tavoliere (Edizioni Centro Grafico Francescano – Foggia 2005).

Insieme a V. Russi ha dato alla stampa:

1.      Dalla Preistoria al Tardo Antico – Vestigia di antiche culture nel territorio di Cagnano Varano ( F. Ferrante – V. Russi) – Edizioni Centro Grafico Francescano, Foggia 1999.

Ha scritto, inoltre, diversi articoli pubblicati su La Gazzetta del Mezzogiorno; Protagonisti; Il Quotidiano di Foggia. Il Gargano Nuovo; Il Giornale di San Severo; La Gazzetta di San Severo; Il Frizzo; Il Provenzale e L’Attacco.

Riservato e rispettoso, quando venne a sapere che stavo effettuando ricerche sull’Onciario, mi ha contattato per comunicarmi che anche lui stava indagando sui questo catasto voluto da Carlo III di Borbone. Penso, perciò, che i risultati di altre sue ricerche siano ancora da pubblicare.

È stato studioso meticoloso e cultore della lingua scrittura, espressa in modo forbito e nobile come pochi sanno fare. Non ha trascurato la fotografia, con la quale ha documentato i suoi lavori di ricerca.

Cagnano è addolorata per la sua scomparsa e si unisce alla famiglia per condividerne il dolore.

Advertisements
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 3 agosto 2009 in notizie di cronaca

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: