RSS

DEVOZIONE POPOLARE, FESTA TRADIZIONALE Santa Maria delle Grazie, il testo che ha fatto vincere le Gemme del Gargano a Clusone (dialetto)

31 Mar

 

NARRATRICE- Ai piedi del centro storico di Cagnano Varano, un paese del Gargano della provincia di  Foggia, c’era, in passato, il Convento di San Francesco, voluto dal frate di Assisi.

Tra il 1220 e il 1230, prima di dirigersi verso Monte S. Angelo, San Francesco visitò anche la grotta di S. Michele di Cagnano, un sito molto importante dal punto di vista storico- naturalistico e religioso, dove secondo la tradizione è apparso l’Arcangelo.

La zona in cui si ergeva il convento di San Francesco era un crocevia, da cui partivano diversi tratturi che collegavano Cagnano con altri abitati del Gargano e con Civitate. C’erano intorno al convento gli acquai pubblici: piscine e pozzi, dove le donne facevano la provvista di acqua, scendendo e salendo faticosamente le viuzze del centro storico.

Nel 1653, quando il convento fu soppresso, c’era una chiesa ornata di pitture sacre, tra le quali spiccava la pregevole tavola della Madonna delle Grazie, del XIV° secolo. Stanca di essere sola nel convento, ormai rudere, la Madonna apparve in sogno ad un umile contadino.

MADONNA- Matteo! Matteo!

MATTEO- Ah! Ch vvù? Chià sì?

MADONNA-  Sono la Madonna delle Grazie.

MATTEO – La Madonna! E ch va truann da me? Jì n nde fatt nend’!

MADONNA – E’ da troppo tempo che sono sola nel vecchio convento di San Francesco. Voglio che mi veniate a prendere!

MATTEO- Nda lu cummend d …? T’à, t’amma mnì a pigghjà (agitandosi tra veglia e sonno, svegliando quindi la moglie, che gli dorme accanto)

CONCETTA – Ih! Quistu sciarbcheja, parla nda lu sonn, Mattè, eh! Ch dic? (svegliandolo)

MATTEO – Chià jè, ah, si tu, Cungè? (Improvvisamente ricorda e dice con grande meraviglia).  Cungè, m so sunnat’ la Madonna!

CONCETTA – E ssì, la Madonna n’ ndneva ch ffà, avea mnì nsonn’ propri a tte!

MATTEO – Sin, Cungè, jeva propri jessa, la Madonna, m’à ditt: stengh nda lu cummend d’ sa Nfrancisch, mnitm a pigghjà ca sola qua n’ c’ vogghj stà.

CONCETTA – Addurmt, allu cummend d’ Sa Nfracisch n’ c’ sta cchjù n’sciun. Addurmt!

MATTEO – Cungè, n’ m’ crid?

CONCETTA – Te ditt addurmt, e nn lluccà, s nnò a fa ruspgghjà a ninn.

MATTEO – (Non si dà pace e non riesce a riprendere sonno, continua a chiamare la moglie, ma questa si mette a russare).

CONCETTA – Gronf…..gronf….gronf……

MATTEO – Cungè…..eh! Questa surchja, mica send a mmè!

NARRATRICE – Matteo trascorre la notte insonne. Alle prime luci dell’alba si alza e convince Concetta ad andare insieme a lui dal parroco, per fargli sapere di aver avuto la visita della Madonna.

MATTEO – Do Nnandò, do Nnandò. (Urla ad alta voce appena entrato in chiesa )

PARROCO – Ssss …! Matteo, che c’è?

MATTEO – T’e dic nu fatt, do Nnandò, stanott m so sunnat’ la Madonna, la Madonna d’ li Grazj. Quanda jeva bella, ma steva arrajata.

CONCETTA – Arrajata stengh jì, ca stanott n’ m’à fatt pigghjà n’acn d’ sonn! (Rivolgendosi al parroco) Do Nnandò, lasslu jì, n’ llu crdenn.

MATTEO – Tu n’ ng’ crid e n ‘ng’ crdenn. La Madonna mica jè mnuta nsonn a te!

PARROCO – Concetta, Lascialo parlare.

MATTEO – Quanda jeva bbella do Nnandò. Tneva nu ninn mbrazza, ch l’allattava. Steva vstuta tutta roscia e sop tneva nu mandell long long, ‘zzurr e chjn d’ stell. Smbrava nu cel, do Nnandò. Matteo m’à ditt:- n’avè paura, vogghj sul ca lu popl sap ca da tropp temp stengh sola qua, mnitme a pigghià.

PARROCO – Ma nel vecchio convento, non c’è più niente. Ci sono solo pietre, solo pietre.

CONCETTA- C’ l’e ditt pur jì, do Nnandò, ma quissu jè ciocca tosta, ‘nn lla vo capì.

MATTEO- Do Nnandò, ccusì m’à ditt e ccusì v dich. S’ n’ ng’ vulit mnì, c’ vaj jì.

PARROCO- Calma, Matteo, calma, ci andremo insieme a vedere, anzi ci andremo con tutto il popolo.

NARRATRICE- Il parroco ordina al sagrestano di suonare le campane per far accorrere la gente. Immediatamente chi può lascia ogni da fare e si precipita in Largo Chiesa.

POPOLO- Ch’è success, ch’è success!

PARROCO- Popolo di Cagnano, la Madonna ci chiama. Dice di essere nel vecchio convento di San Francesco. Non vuole stare più sola. Raccogliamoci in preghiera e andiamo a prenderla.

POPOLO- Sì, sì, jamla a pgghjà!

CONCETTA- Si ccundend mo, à fatt schmbonn tutt lu pajes! S ddà n truam nend, t’e spaccà la ciocca.

NARRATRICE- Tutto il popolo in processione andò verso il convento, pregando ad alta voce, così pensando che la Madonna li poteva udire meglio. AVE MARIA… . Giunti sul luogo…

PARROCO- è  qui che dobbiamo cercare. Dividiamoci. Vediamo se troviamo qualcosa.

GIACOMO- Qua n ng’ sta nend, do Nnandò.

LUIGI- Mangh qua. Ddò ciann pigghjat tutt cos. So rumast schitt ssi quatt mura.

MATTEO- Do Nnandò currit, currit, janna vid, ch c’ sta quasotta!

PARROCO- ( Scavando con le mani, ripulisce la tela con la tunica e sorpreso) E’ proprio la tavola della Madonna delle Grazie. MATER DIVINAE GRATIAE.

MATTEO- Jè proprj jessa do Nnandò, la Madonna ch m’ so sunnat.

AMELIA- Mraculu! Mracilu! Amm truat lu quatr d’ la Madonna!

CONTADINO- Quanda jè bella, purtamla alla chiesa Matr.

POPOLO- Sì, Sì, purtamla alla chiesa.

NARRATRICE-  Il popolo s’inginocchia davanti alla Vergine, facendo il segno di croce. Si ricompone il corteo processionale e si fa ritorno alla chiesa Madre. Per strada la gente si affaccia incuriosita.

MARIANNA- Ch’è success, mar Lbbrù?

LIBERA- Nda l’ort d’ Sa Nfrancisch, u sind, ann truat lu quatr d’ la Madonna d’ li Grazj.

MARIANNA- Madonna, m sfriddn li carn!

LIBERA- E mo la portn alla Chiesa Matr. Ascign, ascign, jam a vdè.

NARRATRICE- Giunti in Largo Chiesa, la piazzadi fronte la chiesa Matrice Santa Maria della Pietà, una pioggia fitta e salutare scese dal cielo, dissetando le campagne.

POPOLO- Mracul! Mracul! La Madonna à fatt lu mracul! ( Gridando ).

CONTADINO- (In campagna ) Chiov, chiov, jeva ora!

AMELIA- La Madonna vo jess bbndetta!

NARRATRICE- Nei paesi garganici, inondazioni, invasioni di locuste e siccità erano alla base di ricorrenti carestie e mortalità. Di fronte alle incertezze e alla precarietà dell’esistenza, la Madonna rappresentava l’ancora di salvezza. E il giorno del ritrovamento del quadro quella pioggia fu provvidenziale perchè a Cagnano non pioveva da diversi mesi. La devozione verso la Madonna con il tempo si rafforzò, tant’è che nel 1724 il convento fu riedificato dai Padri Riformati sotto il nome di Santa Maria delle Grazie.

Le mamme per entrare nelle grazie della Madonna confezionavano “ l’abbetine”, un sacchettino di stoffa in cui era riposta l’immagine della Santa ripiegata più volte, dopo che era stata benedetta dal parroco. Ben chiuso, se lo appuntavano con una spilla sotto l’abito, portandolo sempre con sé, affinché la Santa le preservasse dalle sciagure, all’ordine del giorno: fame, incidenti, guerre, catastrofi, morte.

Chi era debitrice alla Vergine di una grazia vestiva la sua bambina, di rosso e azzurro, come la Madonna. Chi superava una crisi malarica, o di polmonite,  ecco sempre la mamma, farsi pellegrina, andare di porta in porta a piedi nudi (“p’ lu vocal” in mano), a chiedere l’elemosina di qualche decilitro di olio, un po’ di grano oppure qualche soldo, per  la messa alla Madonna.

CATERINA- Commiè chiagn, mar’ Carmè?

CARMELA- Figghjma nn’ sta bbona. So tre jurn ch n’ va da l’orin. Ddà lucca, povra figghja, c’adda sckattà!

CATERINA- E lu medch, l’à vist? Ch l’à ditt?

CARMELA- Ccom n’ l’à vist! L’à fatt pur na srenga e à ditt ch’aveva jì, ma fine mmò ancora n’ và.

CATERINA- Uh! Ch guaj e com a fa? Sind a mmè. Quann e crà jè la Madonna d’ li Grazj. Lu tì nu quatr?

CARMELA- Jì no, mamma lu te’ sop lu lett.

CATERINA- Spunnulu, fattlu dà, e purtlu a ccasta, mittlu sop lu ch’mmò, e ppiccia ‘na lamba d’ogghj, po’ jess ca la Madonna li fa na grazia a ssà figghja.

NARRATRICE- Filomena così fece. Il giorno dopo, in processione, vide la Madonna che lacrimava e, mentre la Madonna piangeva, la figlia guariva, riuscendo finalmente ad urinare.

Santa Maria delle Grazie è stata eletta compatrona dei cagnanesi, insieme ai santi Cataldo e Michele, e ogni anno, l’8 settembre, si celebra la sua festa. I preparativi fervevano sin dai primi giorni d’agosto. Ogni famiglia metteva da parte un po’ di grano, legumi, olio. I più facoltosi anche del denaro, per donarlo alla Chiesa. Dal 1877 cominciò ad operare anche la Congregazione della Madonna delle Grazie, formata da agricoltori e contadini. Ed era proprio il gruppo della Congrega che, con asini o muli, si recava in campagna per la “cerca”[1].

CATALDO- Mbà Duminch, bongiorn, ch c’ fa?

DOMENICO- Eh, c’ strappuneja la vita cumbà!

CATALDO- Sim mnut p’ la “ cerca “ d’ la Madonna d’ li Grazj. Ch dic’, c’ la dà na cosa?

DOMENICO- Nu mzzett d’ gran va bbon?

ANTONIO- E dacc’la navta cusaredda.

DOMENICO- Mezza pignata[2] d’ogghj, sta ciampata d’ fav ch veja dà.

ANTONIO- Eh! Va bbon, va bbon.

GENNARO- Bbongiorn mar Carmè.

CARMELA- Bbongiorn, ch jat facenn da sti part?

GENNARO- La “ cerca “ p’ la festa d’ la Madonna d’ li Grazj.

CARMELA- Aspttat!. P’ppì, oj P’ppì!

PEPPINO- Ch’è ssuccess Carmè?

CARMELA- Sta mbà Jnnar qua, p la festa d’ la Madonna d’ li Grazj.

PEPPINO- Bbongiorn a tutt!

TUTTI- Bbongiorn …bbongiorn.

PEPPINO- Ch v’è dà! Ssu sacchitt d’ gran va bbon? Emmè! Carcatlu sop la vstjama, jamm! 

GENNARO- Grazj assà, mbà P’ppì.

PEPPINO- E d’ chè, dover cumbà, p’ la Madonna quissu e avt. Ch jessa c’ vò pnsà.

NARRATRICE- Il gruppo della Congrega, bussava anche alle case del paese, con bussolotto in mano. Si faceva precedere dal suono di un campanello, annotando su un quaderno ogni offerta.

ANTONIETTA- Mò mò, chià jè?

SALVATORE- La Cungreja d’ la Madonna d’ li Grazj. BBongiorn cummà, sim passat p’ la” cerca “ ch dic’ c’ la dà na cosa?

ANTONIETTA- Nu quartucc’ d’ gran v’ pozz dà.

SALVATORE- Va bbon, segna mbà ‘Ndrè. Tozzla ddò mbà Raffaè, vid, c’ sta qualche dun?

NARRATRICE- I cittadini erano in genere prodighi, ma negli anni di carestia o di disgrazie, si registrava qualche lamentela.

RAFFAELE- Qua, n’ c’ sta nisciun.

BETTINA- Stengh qua, commiè? ( Affacciandosi )

RAFFAELE- Ascign mar B’ttì. Me, p’ ssa festa ch cià dà?

BETTINA- Eh! Auann nend.

RAFFAELE- Com nend, tu si stata semp grasciosa.

BETTINA- La  Madonna lu sap, l’annata jè stata sicc’ta. Maritma c’ n’gè ghjut p’ la faccia nda lu foch, c’aveva p’ccià viv. Auann, nn’ v’ pozz dà propri nend.

SALVATORE- Statt bbon, la Madonna c’ vo pnzà. ( Bussa ad un’altra porta più avanti )

GIULIETTA- Mò mò.Chià jè? (Apre ) Ah! Sit vuja, bbongiorn.

SALVATORE- Bbongiorn, donna Giuliè, ch dic’ c’à dà na cosa p’ la festa d’ la Madonna d’ li Grazj?

GIULIETTA- Si, si, aspttat. Tè, quisti so 20 lir e pigghjatv pur ssu sacchitt d’ gran.

RAFFAELE- Ah! S fossn tutt com ttè, donna Giuliè, lu sa ch festa scess da sotta. Statv bbon.

GIULIETTA- Bona “ cerca “.

NARRATRICE- Il frutto della “cerca” era ammassato in borgo S. Cataldo, pesato e veduto dai membri della Congrega agli stessi cittadini, utilizzando le misure del tempo: lu mezz quart,[3] lu quartucc,[4] lu mzzett,[5] lu tumml,[6] lu star.[7] Serviva per organizzare la festa in onore della Madonna. Otto giorni prima della festa, il bandaiuolo invitava a comprare il grano offerto alla Santa.

RAFFAELE- Jamm à chià vò lu gran, jamm!

POPOLO- Jì …., jì…… A me..a me…!

BEATRICE- Jì n’ vogghj nu mzzett.

NUNZIA- Jì nu quatucc’!

RAFFAELE- Tu quanda n’ vù, mar Ssundì?

ASSUNTA- Duj tumml mbà Raffaè, a mmè la famegghja jè grossa. Li vi (mostrando tre dei nove figli attaccati alla gonnella, un po’ sporchi e paffutelli), crescn a ‘ntroccl e mbarnata.

RAFFAELE- Quanda so bell Sand’ Martin. E com t l’à purtà. Ngodd?

ASSUNTA-Mò adda mnì maritma p’ la vstijama.

RAFFAELE- A mbè! Jamm bell, accattat u’ gran, camma fa na bella festa. Ch dic cumbà?

PASQUALE- Vogghj nu star d’ogghj e nu quartucc’ d’ gran.

ANGELA- Dammlu pur a mme nu quartucc’, e duj chil d’ fav.

NARRATRICE- Più l’incasso era cobnsistente, più la festa era grande. bisognava allestire l’                                orchestra, addobbare la chiesa, comprare botti e mortaretti per la “battaria”[8]. Ogni famiglia preparava pane casereccio fresco, taralli, pizza “ p’ lu fartedd”[9] e “lu cacciandr”,[10] un dolce povero ricavato dai pezzetti di massa attaccati qua  e là nella “fazzatora”,[11] impastati con l’aggiunta di un filo di olio, semi di finocchio, un po’ di zucchero e un po’ di latte.                                              

LUCIA- Mariè, arrcugghj bbon bbon, p’ la rar’tora, ch’amma fa li caccandr p’ llì uagliun.

BAMBINA- No, le fa jì, le fa jì mà!

MARIA- Janna vucin a mmè, ca t’ fazz vdè ccom c’fa ( Insieme preparano lu cacciandr )

LUCIA- Trsì ch fa?

TERESA- E’ fatt la pizza p’ lu fartedd’. Tè assaggia.

LUCIA- ( Assaggia ) Ah! Mò jè mnuta bbona, nno l’avta vota, ca n’aviv miss lu crscend! Assaggia Mariè.

TERESA- Jè saprita.

NARRATRICE- Nove giorni prima della festa per il paese “c’ mnava lu bbann”, invitando la gente ad andare in chiesa.

BANDAIUOLO- A tutte le persone, quanne crà matina alli 7 e mezz, tutt alla Chiesa Matr, ca alli 8 ciadda sponn lu quatr d’ la Madonna d’ li Grazj, e quanne crà  ssera, accumenza pur la nueja.

 

NARRATRICE- La mattina  del 29 agosto alle ore 8,00  il quadro della Madonna veniva dunque  portato in  processione dal suo altare, all’altare maggiore, che era stato opportunamente addobbato con i soldi della “cerca”.

Nel 1881, vista la devozione, gli ammistratori del paese decisero di istituire una fiera del bestiame, da farsi il 7 e l’8 settembre. Questa fiera offriva a chi era del posto, dei paesi  limitrofi e persino abruzzese, l’opportunità d’incontrarsi, giacchè era già iniziata la transumanza. Si vendevano: capre da latte, animali da soma e da lavoro, pecore da lana, e maiali, di cui non si buttava nulla. La fiera in ogni caso metteva in campo un nuovo attore sociale “lu nzanzan”, un uomo particolarmente tagliato che mediava tra venditore e acquirente, rimediando qualcosa per sé.

GIOVANNI- Uhè, mbà Mchè, pur tu alla Fera?

MICHELE- E vdè p’ nu ciucc, quiddu d’patrma jè mmort e so rumast senza.

GIOVANNI- Janna p’ mmè, n’ te un mbà Pasqual jè nu staccon. Mbà Pasquà, p’ ssu ciucc’ quanda vù?

PASQUALE- Eh! Mbà Ggiuvà lu ciucc jè bbon, va bbon alla pisa, men d’ 10 lir n nd lu pozz dà.

GIOVANNI- Mò famm grapì la vocca, famm vdè quand’ann te ssu ciucc. Jè bbon pigghtlu. Sind a mè.

MICHELE- Ma dec lir ssò ssà, ch casptjè.

GIOVANNI- Fallu truttjà, mbà Pasquà. T’è ‘na bbona gamma. Quissu jè bbon pur p’ arà.

MICHELE – Cingh lir t’eja dà!

PASQUALE- Cingh lir, ch pazzij! No, ng’ n’ parla proprj cumbà.

GIOVANNI- Accurdat, me, mittcla navta lira, e n’ ng’ n’ parla cchjù.

PASQUALE- Damm ott lir e t dengh pur la capezza.

GIOVANNI- Sett lir e mezz, varda e capezza, accorda ca l’affar jè bbon. Caccia ssi solt mbà  Mchè!

MICHELE- Sett lir e mezz, e nò ‘nna lira d’ cchjù. Te! ( Tira fuori i soldi e paga )

PASQUALE- Frat ch sambogna! No s’ n’ gneva p’ mbà Ggiuann n’ t lu deva ssu ciucc.Tè mbà Ggiuvà

GIOVANNI- Statt cundend, ca lu prezz jè bbon.

PASQUALE- Quissi so p’ te, cumbà.

NARRATRICE- L’8 settembre, dopo la celebrazione eucaristica, le campane della Chiesa Madre squillavano a festa, richiamando il popolo al corteo processionale. Avanti a tutti il bandaiuolo, quindi, lo stendardo con l’immagine della Madonna, San Michele, San Cataldo, la Confraternita, la croce della chiesa Madre, i chierichetti, i sacerdoti, il quadro della  Madonna delle Grazie, la banda, il popolo. Al quadro erano fissati due lunghi nastri, dove i devoti attaccavano i soldi di carta. C’era anche un cuscino, dove erano fissati orecchini e collanine. Ecco alcune donne che si buttano ai piedi della Vergine.

MATTEA- Madonna, Madonna mija, tu na grazia m lada fa! Fallu p’ sti uagliun. Maritma  so duj mis ch nn’ fatija, sta cchiancunat ‘nda lu lett p’ nna pulmunija. T pregh, Madonna, n’ cià bbandunà. S mm’ fa ssa grazia, ogne jurn alla scavza t’ vengh a truà.

MICHELINA- E d’ me n’ t’ n’ scurdà. A figghjm da lla guerra fallu turnà!

NARRATRIC- Il corteo processionale faceva il giro del paese. In Corso Umberto I° la banda cessava di suonare, le oranti di pregare e tutta l’attenzione era rivolta ai fuochi d’artificio, rotelle e botti, amati da tutti. Poi a casa per gustare il piatto buono della festa: “ li ndroccl[12] p’ lli brasciol[13]” e poi l’arrosto d’ “turc’nedd”.[14] Sulla mensa non mancava il vino, che rendeva gli animi più loquaci.                                                               

MATTEO- N’ ng’ steva nend, ma quann mneva sta fstzzola c’magnavam li ndroccl p’ lli brasciol.

VINCENZO- E p’ nu poch d’ rezza, feght e vdedd’ c’ magnavam pur li turc’nedd’. (Mentre prepara l’arrosto, passa Grazia )- Aurij mar Graziè! ( Sollevando un bicchiere di vino).

GRAZIA-  Grazj assà mbà Vncè.

NARRATRICE- La festa era una delle poche occasioni in cui anche ai miseri era permesso di cessare l’attività e staccare dalla routine alienante della vita. La banda, i fuochi d’artificio, l’abito della festa, la condivisione rendevano più coesa la comunità, caricandola di energie nuove, utili per meglio sopportare il peso dell’esistenza.

Purtroppo la precarietà minacciava sempre i piccoli coloni, agricoltori e pastori. L’acqua doveva alimentare i campi e riempire gli acquai. Gli animali dovevano mangiare e dissetarsi, affinché gli uomini potessero sopravvivere e, quando le campagne erano particolarmente assetate, il popolo implorava la Vergine  affinché facesse piovere. Si pregava con fervore per tre giorni e non di rado si organizzavano cortei processionali portando la  Madonna  fino alle Tre Croci. Al rientro o il giorno dopo, la pioggia arrivava quasi sempre. Era il segnale della  Madonna che, dispensando grazie, teneva accesa la devozione.

Anche i pescatori hanno avvertito il bisogno di stare sotto l’ala protettrice della Madonna delle Grazie. Dagli  anni cinquanta del secolo scorso il quadro della Madonna fu perciò portato “ nda li sanr”[15] da Bagno al Crocefisso di Varano, dove oltre ad una statua lignea posta sulle acque della laguna, c’è la chiesetta, un tempo dedicata all’Annunziata.

PESCATORE  1- Madonna, agghjusta stu pandan, com agghjust li ball d’ gran, mo ch jam allu sciabbcon facc’ pgghjà agnidd e capton.

PESCATORE  2- A chj à fatt la paranza, vavos e pesc n’ abbondanza.

PESCATORE  3- A chj à miss li cocc’l ‘nda li ciardin, faccli venn chjn chjn.

NARRATRICE- la più devota alla Vergine, in ogni caso, era la donna, che vedeva la sua condizione riflessa in quella della Madonna. La donna cagnanese era, infatti, spesso insultata, picchiata, yìtrattata come una bestia da soma, violentata proprio nle suo 2regno”: la casa.

(Scena del marito ubriaco che si sfila la cinghia dai pantaloni e rincorre la moglie, la quale, per sottrarsi alle scudisciate, corre e cerca rifugio sotto il letto, mentre le vicine – i cui occhi arripanod appertutto- origliano).

Marito– Janna qua! Addoua scapp… janna qua! (prima cinguhiata che non coglie nels egno). A’ capit o no, ca chia cummanna nda sta casa songh ji?! (seconda cinghiata che colpisce la donna)

Moglie (lo sguardo rivolto verso il quadro della madonna)- Madonna d li Grazji, aiutm a ppurta ‘sta croc!

Vicine- Vo jèss Sanda, mar Bbettina!

Narratrice- L’analogia donna Madonna non è una forzatura, soprattutto se si considera che la società contadina, dove l’uomo la faceva da padrone, alimentava la convinzione che la donna venisse al mondo per soffrire. “Santa” era, infatti, la donna che meglio sopportava la “sua croce”. L’icona della Madonna delle Grazie di Cagnano appesa sul letto matrimoniale, oltre a rinnovare questa sorta di complicità, trasmette altri messagi: il suo indice rivolto verso  il Figlio è diretto al popolo cagnanese, indicandogli la Via. Il grande manto azzurro trapunto di stelle simboleggia la sua potenza divina e le abbondanti grazie che ella può elargire. Il rosso della veste è simbolo dell’umanità sofferente. Il suo ventre pronunciato, simbolo della Madre che si fa Chiesa, intende trasmettere al popolo di Cagnano la speranza della sua fecondità, di modo che i figli dei figli crescessero alimentandosi della Parola di Gesù. In periodi caratterizzati da incertezza e mutamento sociale, come quello attuale, i valori religiosi forniscono un’àncora di salvezza. Ecco perché la devozione verso la Madonna è viva ancora oggi.                     

                               

                          

 

BIBLIOGRAFIA

NICOLA DE MONTE, Una gemma del Gargano, Arti grafiche il pescatore, Foggia, 1955;

LEONARDA CRISETTI GRIMALDI, Cagnano Varano, centro storico, economia, salute, costumi, società, Acropolis Manfredonia, 1999;

LEONARDA CRISETTI GRIMALDI, La grotta di San Michele e il culto del Santo, ed. Gioiosa, 1993;

LEONARDA CRISETTI GRIMALDI, La grotta di San Michele, Itinerari lungo la laguna, Acropolis, Manfredonia, 1999;

LEONARDA CRISETTI GRIMALDI, Bbèlla te vu mbarà …, Canti e storie di vita contadina, Centro Grafico Francescano, Foggia, 2004;

Documenti, Archivio comune di Cagnano Varano(Fg), delibere;

Documento, Diario delle pontificali funzioni fatte dal cardinale Vincenzo Maria Orsini, arc. Di Siponto, 1675, Cagnano, 1676

F. ARCANGELO D AMONTESARCHIO, Cronistoria della Riformata provincia di Sant’Angiolo in Puglia, Napoli, 1734;

Inventario dei PP Riformati di San Francesco, titolo santa Maria delle Grazie, A.S.F., AMM. Int., F 141, f.32;

Internet, … sul culto mariano e della Madonna delle Grazie.

 

 


[1] La questua.

[2] Pignata, misura di capacità dei liquidi, equivalente a l 2,5.

[3] Mezz quart, misura  degli aridi usato ancora nella prima metà del secolo scorso, equivalente a circa 6 kg.

[4] Quartucc, l’quivalente di 2,5 l.

[5] Mzzette, misura eglia riti, equivalente a 24 kg;

[6] tumml, misura di capacità degli aridi, corriponsìdente a 56 litri, circa 48 kg di grano.

[7] Star, l’equivalente di 10 litri di olio.

[8] Fuochi d’artificio

[9] Pizza con farina di crusca.

[10] Lett. “da cacciare”, raccogliendo qua e là sulle pareti e sul fondo della madia.

[11] Madia.

[12]Spaghetti doppi fatti in casa con un attrezzo opportunamente scanalato detto “ndroccl”.

[13] Involtini di vitello di secondo taglio conditi con aglio, prezzemolo, olio e sale.

[14] Fegato tagliato a strisce condito con pezzetti d’aglio, prezzemolo, formaggio, un filo d’olio, avvolto prima nella “ rezza” e poi nelle budella di agnello.

 

[15] Sandali, imbarcazioni tipiche del luogo.

Advertisements
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 31 marzo 2009 in notizie di cronaca

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: