RSS

Strambotti (sunètte e manuuètte)

18 Ott

 

Le tipologie di componimenti popolari più diffuse a Cagnano sono giunte a noi con i termini di sunètte e manuuètte, che afferiscono al componimento noto in letteratura come strambotto. Questo strambotto, che nel contenuto riflette temi amorosi, vizi e virtù, espressi talvolta anche in modo satirico, si presenta strutturalmente in genere come ottava, un’unica strofa di otto versi endecasillabi ipermetri o ipometri, in rima baciata o alternata, oppure in assonanza. La Sorsa, definisce gli strambotti del Gargano

 

antichi strambotti indigeni, belli nella loro semplicità, nobili sinfonie che si sviluppano su una nota centrale, accompagnati da lunghe cadenze di cori. Essi sono le genuine melopee lente e polimetriche, con cui la vetusta razza anche oggi esprime i suoi affetti gentili, i suoi sentimenti. 5

 

Afferma inoltre che

 

L’ottava è la strofa più diffusa nei canti popolari e quasi sempre ognuna costituisce un canto a sé, racchiude un pensiero, un’immagine completa. E’ generalmente costituita da due rime, quattro volte alternate, e se queste mancano, c’è in sostituzione l’assonanza. Manca la chiusa di rime baciate, che è propria dell’ottava letteraria.6

 

 Questo componimento popolare, chiamato anche “rispetto”, secondo alcuni studiosi avrebbe avuto origine pressoché contemporaneamente a Napoli e a Firenze, alla fine del 1400; secondo altri sia la struttura, sia i suoi contenuti rinvierebbero, alla tradizione della scuola siciliana e giullaresca e sarebbe nato prima nell’area meridionale e poi in Toscana. C’è convergenza degli studiosi sul suo contenuto popolare. La Sorsa afferma infatti: nato probabilmente “nei pagliai di solitari campi o sul lastrico di piazze cittadine, [lo strambotto] fugge le piazze dei ricchi”.7

L’ampia diffusione dello strambotto sembra dimostrare l’esigenza, della componente meno dotta della popolazione, di seguire un modello letterario per esprimere dei sentimenti. Diffondendosi nelle diverse aree geografiche e col trascorrere del tempo, si sono verificate delle contaminazioni, perciò lo strambotto, sia a livello formale, sia a livello interpretativo, ha subito delle trasformazioni, adattandosi all’idioma e alla cultura locale, oltre che alla comunità dei parlanti, nei quali la lingua continua ad evolversi, rinsanguando lo stesso italiano. L’esecuzione-interpretazione, che in genere si discosta dal testo verbale scritto o recitato, a livello di ciascun paese, assume inoltre connotati particolari.

 

Anche lo strambotto [manuuètta e sunètte] di Cagnano è strutturato in genere in ottava e riflette le trasformazioni evidenziate. Ma cos’è lu sunètte? Cos’è la manuuètta? Quale differenza passa tra le due composizioni? Qual è la loro etimologia? Con l’intento di dare una risposta a questi interrogativi, ho raccolto testimonianze orali e ho attinto dalla letteratura.

Prendendo atto degli studi di ricercatori affermati nel settore della etnomusicologia, si ha modo di constatare che lu sunètte attraversa pressoché tutti i paesi garganici. Questa realtà porta ad accogliere l’ipotesi di F. Nasuti secondo la quale  prima era lu sunètte, che faceva riferimento a tutto il corpus di strambotti che, sin dal medioevo, ha costituito l’intelaiatura del canto popolare-lirico italiano.8

 

Poi, col trascorrere del tempo, i cantori-esecutori hanno aggiunto versi e filastrocche nel corso e a fine componimento, conferendogli caratteristiche tipiche del luogo. Queste composizioni: strusce e sunètte di Monte Sant’Angelo e Mattinata, sunètte e strufètte di Carpino, strapulètte e sunètte di San Giovanni Rotondo, strapulètte e sunètte d’Ischitella,9 ai quali possiamo aggiungere manuuètte e strufelètte di Cagnano, contengono quasi sempre accenni a richiami amorosi espressi con traslati, elementi erotici assenti negli strambotti originari. Va detto inoltre che la struttura musicale delle forme- sia pure modificate e adattate ai diversi dialetti- riflettono il linguaggio  musicale della tarantella.10

S. Villani ricorda che le due forme canoro-musicali più diffuse a Carpino sono lu sunètte e la canzone, che si differenziano non nel testo verbale, ma nell’articolazione melodica, nell’esecuzione:

 

li sunètte sono ad andamento sillabico, mentre la canzóne (canto a distesa) presenta una diffusa vocalizzazione del testo verbale, con lunghe note tenute.11

 

C’e dunque analogia nella struttura ovvero nella formalizzazione letteraria del testo verbale di sunètte e canzone (costituito in genere da otto versi endecasillabi articolati in quattro distici), mentre c’è differenza nell’interpretazione.

Vediamo ora cosa accade nelle forme più rappresentative dei canti popolari cagnanesi, costituite – come si è detto – da sunètte e da manuuètte.

Manuuètta e sunètte, a detta degli intervistati,- pochi per la verità, perché gran parte di essi ha risposto con un “non so” o con un “non ricordo”- avrebbero una identica struttura e medesimo contenuto, mentre la differenza sarebbe riposta nell’esecuzione, prevedendo nel primo caso apertura col secondo emistichio, ripetizioni ed esecuzione in certi punti sillabata, nel secondo caso suoni prolungati, soprattutto ad inizio del verso (o del distico) e alla fine.  Il sonetto procede in genere per distici, esordisce con Ahhhh o con Uhé, pronunciati con voce alta e gutturale. Dopo il distico c’è l’intermezzo musicale. Lo schema melodico, può variare, inoltre, assumendo connotazioni particolari, in base alla bravura e alla sensibilità del cantore.

Il sonetto-strambotto di Cagnano, dunque, (che, sebbene abbia una lontana parentela, non va confuso con il componimento letterario classico, costituito da quattordici versi endecasillabi raggruppati in due quartine e due terzine), inizia con un’esclamazione pronunciata con tonalità molto alta e con un suono prolungato, per snodarsi poi in tono melodico e chiudere in modo originale e personale, più o meno come segue: Ahhhh… scapellata, uaglióna scapellataaa.

Il rituale del sonetto vuole, inoltre, che il cantore porti la mano all’orecchio mentre segnala la sua presenza, con quell’ ahhhh prolungato, acuto e forte, come di chi soffre di un dolore indicibile, che ha la durata di circa dieci secondi. La donna, insomma, non poteva non udire o restare indifferente a quel richiamo. I particolari del rituale non sono sfuggiti a nessun intervistato e hanno sorpreso anche me soprattutto nell’udire una registrazione, risalente alla fine degli anni Cinquanta, eseguita dall’agricoltore Michele Frattarolo che, durante la sua passionale, originale ed efficace interpretazione, si è lasciato sfuggire il seguente commento accorato e nostalgico:

 

Ah canzune de tand’anne addréte!… Mamma … !

 

La manuuètta presenta invece un ritmo spezzato, ripetizioni, esecuzione piuttosto sillabata, interpretazione anch’essa singolare, la cui efficacia è legata, anche in questo caso, al cantore-esecutore. La manuuètta è decisamente più allegra, si associa all’armonia del ballo, alla tarantella, e termina con una o più strofette, vvola e llà… È accompagnata con le castagnole e con il tamburello. Entrambe le composizioni sono eseguite a voce alta, emessa di gola, tanto da rendere talvolta difficoltosa la decodificazione, come ciascuno può verificare dalle pagine musicali allegate. 

Avendo ancora qualche perplessità e per affettuare qualche raffronto, ho consultato alcuni signori dei paesi limitrofi: San Nicandro, San Marco, Ischitella, Carpino, San Giovanni, ed ho avuto la conferma che il termine manuuètta è pressoché sconosciuto- d’altro canto anche a Cagnano solo pochi signori anziani ne conservano il ricordo.

Anche se le testimonianze orali mi hanno lasciata nel dubbio, alla luce di alcuni testi raccolti e a seguito di qualche inferenza, ho ipotizzato che il sonetto di Cagnano escludesse la strofetta finale. Tale congettura ha poi trovato conferma anche nell’affermazione di Villani:

 

Canzune o manuuètte erano ad andamento sillabico con stereotipi conclusivi, mentre lu sunètte era un canto vocalizzato senza stereotipo.

 

Il sunètte di Cagnano presenta in definitiva analogie con la canzone di Carpino, mentre la manuuètta di Cagnano pare essere nota a Carpino, a San Giovanni Rotondo e a Monte Sant’Angelo come sunètte.

Una stessa forma espressiva, si prestava, inoltre, a differenti modalità esecutive. Il sonetto di Carpino, ad esempio – così come informa il signore Piccininno- era cantato perciò: alla mundanare (conservando un andamento melodico, lento), alla rurejana (con ritmo allegro, ballabile) e alla vestesana (con esecuzione lenta, che si avvicina a quella detta alla montanara). C’era anche la modalità alla cagnanese– bella anch’essa- afferma il cantore- e che risulta ancora più lenta e lamentevole. Di tutte queste modalità mi ha offerto un saggio.12 Altri interlocutori cagnanesi affermano, infine, che lo stesso testo poteva essere eseguito sia a manuuètta, sia a sunètte.

Quanto all’etimologia di manuuètta e di sunètte pare si possa uscire dall’incertezza. La manuuètta secondo alcuni interlocutori è il temine dialettale di “manovella”, un dispositivo utile per mettere in rotazione qualcosa tramite la forza della mano, ma è anche un canto popolare, che invita al ballo della tarantella. C’è dunque analogia tra l’attrezzo e il canto: entrambi fanno “ruotare”. E se la manuuètta ha acquisito contenuti più volgari- sempre secondo gli intervistati- lu sunètte, essendo privo di strufulètta, conserva un’accezione più nobile.  Sotto questo profilo il sunètte-strambotto di Cagnano potrebbe essere l’antenato del sonetto letterario, cui sarebbe pervenuto con l’aggiunta di altri sei versi.

 

Sunètte: Ahhhhh… scapellata, uaglióna scapellata! 13

 

Ahhhhh… scapellata, uaglióna scapellata

Uéhi piccerèlla a llu zite è scapellata!

 

Ah… sèrpa néra, che tu scèndi tra le mura!

 

Ah… capa calata e disturbata céra (bis)!

 

Ah… t’hé’ ditte bbonaséra e nne mm’ha’ respòste!

 

Ah… ma qualche mmala lingua t’ha pparlate (bis)!

 

Ah… male de mè t’ha dditte e ttu l’aje credute!

 

Ah… t’avéva avvesate da prima e nno mm’aje scoltate (bis)!

 

Ah… facìmece lu cunde, spezzame li taglie! 14

 

Ah… quille ch’avanze ji te l’abbandóne!

 

Ah… quille ca lasse tu, la casse è pprònde!

 

Ah… li vascë che tu m’ha’ date io non te li néghe!

 

Ah…. Famme la recevute chè mò te paghe.

Ehi, piccerèlla sinde,

famme la recevute chè mò te paghe.

 

Tra una frase e l’altra c’è un intermezzo musicale, accompagnato con chitarra battente.15

 

Manuuètta: Nennèlla ne nde mètte cchiù a lla pòrta

 

Nennèlla ne nde mètte cchiù a lla pòrta

E qquanda vóte passe ji te véde

A lli capille chi ce avite ndèsta

Ce chiàmene chinzóla-cristiiane

Te prèghe bbèlla nò ndi li ndriccià

Fattìli a ddói nnòcche, làscele appise

Scjata lu vènde e lli vò sbalijà

Jèsce lu sóle e li fa sderlucì.

 

Sderlucì palòmme

E ccóm’e ttè ni ngi ni sònne

 

Vóla éhi vóla

e ddimme tu li tua paróle

à llu pìiacére

vènghe qqua n’avìta séra

Pìiacére ngi ni sta 

Jì mi vài pure a quà.16

 

L’esecuzione della manuuètta prevede l’inizio con il secondo emistichio del primo verso (in questo caso con mètte cchiù a lla pòrta), quindi il ritorno al primo emistichio (Nennèlla ne nde mètte), ripetuto due volte. Nei versi 3-5-7 si assiste al ritorno al primo emistichio, ripetuto due volte. In coda alla mauuètta è la strufelètta, in questo caso costituita da sei versi.

cfr. bbèlla te vu mbarà …, Canti e storie di vita contadina, L. Crisetti Grimaldi.


13 Ah scarmigliata, ragazza scarmigliata! Ehi, piccolina per il giovanotto è scarmigliata! Ahi serpe nera, che scendi tra le mura! Ah testa bassa e sguardo imbronciato! Ah, ti ho detto buonasera e non mi hai risposto! Ah, ma qualche cattiva lingua ti ha parlato, ti ha detto male di me e tu le hai creduto! Ah, ti avevo avvisato e non mi hai dato ascolto. Ah facciamo i conti e rompiamo i tagli. Ah, quello che tu avanzi, te lo cedo! Ah, quello che tu lasci è pronto nella cassa. Ah, i baci baci che mi hai dato, io non ti nego. Ah, fammi la ricevuta, ora ti pago. Ehi, piccola, ascolta: – Fammi la ricevuta, che ora ti pago.

14 Facciamo i conti e rompiamo i tagli. In passato si effettuavano gli acquisti, segnalandoli sulle due parti di una bacchetta di legno che combaciavano: una restava nelle mani dell’acquirente-debitore e l’altra nelle mani del venditore-creditore. Cfr Conti tagli, Rére ascennènne, Granatiero cit. pag 111. Metaforicamente spezzame lu taglie del testo significherebbe cancelliamo ogni traccia del nostro rapporto, quindi ogni dare e avere.

15 Il lettore potrà comprendere meglio i  motivi di questa e di altre tipologie qui presentate, consultando le relative pagine musicali che troverà in seguito.

16 Bambina non ti mettere più alla porta e quante volte passo io ti riconosco dai capelli che avete in testa, si chiamano consola-persone. Ti prego, bella, non li intrecciare, raggruppali con due fiocchi, lasciali sciolti. Soffia il vento e li vuole scompigliare, esce il sole e li fa splendere. Li fa splendere, colomba, e come te non ce ne stanno. Vola, ehi vola, e dimmi tu le tue parole. Se hai piacere, vengo pure un’altra sera, se piacere non ce ne sta, io vado via di qua.

 


5 La Sorsa, op. cit, pag 43.

6 La Sorsa, op. cit. pag 48.

7 La Sorsa, o. cit. pag 48 e 49.

8 Cfr. Nasuti, Canti della memoria cit. pag. 40.

9 Cfr. Nasuti op. cit. pp 40-42.

10Cfr. Nasuti, op. cit.  Presentazione pp 7-43.

11 Cfr. S. Villani, Canti e strumenti musicali tradizionali di Carpino, Centro studi tradizionali popolari del Gargano, Rignano Garanico 1997, pag 15.

12 Intervista al signor Antonio Piccininno, febbraio 2004.

Advertisements
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 18 ottobre 2008 in etnografia garganica

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: