RSS

Sistema turistico del Gargano e prospettive di sviluppo – convegno Rodi Garganico, Leonarda Crisetti

01 Set

 

Mercoledi 20 agosto, ore 19,30 auditorium F. Fiorentino, I.S.I.S.S. “M. Del Giudice”, Rodi Garganico, così come da programma, ha luogo la Tavola rotonda: Sistema turistico del Gargano e prospettive dui sviluppo.

Presenti i relatori e le autorità previste dalla scaletta, tranne Antonio Pepe, presidente dell’amministratore provinciale, sostituito dalla vice presidente, assessore alle politiche scolastiche, dott.ssa Maria Elvira Consiglio.

Apre i lavori la prof. ssa Falina Marasca, che accenna alla vocazione turistica del Gargano, all’imprenditorialità del promontorio, ancora poco espressa, da sviluppare declinando il binomio natura/cultura, valorizzando il territorio. Parole ridette, partecipate anche nel convegno di qualche anno fa, nello stesso luogo. Leit motiv: “Il turista non deve scappare”.

Il prof. Antonio De Grandis, dirigente dell’istituto, partecipa che siamo nel posto giusto, che la scuola, accogliendo anche l’indirizzo turistico, intende rispondere alle vocazioni del territorio.

Per sviluppare il turismo, bisogna migliorare l’offerta. In questa direzione si sta muovendo il Consorzio degli operatori turistici del Gargano – afferma il presidente Michele Saccia – il quale invita il popolo garganico a non guardare il bicchiere mezzo vuoto, facendo di un disguido un caso. “Ben vengano proposte concrete che provengono dal mondo della scuola”- aggiunge- e che questi incontri si tengano in periodi più tranquilli, in modo che possano partecipare anche gli imprenditori, addetti al turismo.

La necessità di declinare cultura e turismo, il bisogno di destagionale l’offerta, non promettendo solo spiaggia e mare, invita a pensare a una cultura che non guardi al turista come categoria, ma come soggetto concreto con propri bisogni da soddisfare con un’offerta variegata, personalizzata.

Personalizzare l’offerta turistica vuol dire diversificare, migliorare, tenere d’occhio la concorrenza – precisa Maria Elvira Consiglio – tenendo conto del punto di vista di chi viaggia, mettendosi nei suoi panni. Che cosa vuole il turista? Desidera ospitalità e costi bassi, infrastrutture e servizi.

I convenuti fanno coro sulla necessità di potenziare le infrastrutture. Il coordinatore, prof. Pietro Saggese, e il sindaco di Rodi Garganico, Carmine D’Anelli– indugiano con soddisfazione sul porto di Rodi, punto di forza della comunità di pescatori-marinai, sulla necessità di un aeroporto – e perché non pensare a un servizio di elicotteri?– di strade comode e fruibili che colleghino la costa con l’entroterra, per poter destagionalizzare l’offerta.

Oltre ai servizi di trasporto, bisogna consolidare e potenziare quello di raccolta differenziata dei rifiuti – giacchè la discarica di Vieste è pressoché satura, pensare all’acqua, a prevenire gli incendi, …  .

I convenuti parlano di turismo di qualità, che non può essere che culturale, accogliendo il senso più nuovo e dinamico di cultura, che invece di fare riferimento a tradizioni cristallizzate e obsolete, parla di simboli e di significati, che si costruiscono nelle relazioni, esiti di negoziazioni e ridefinizioni.

Se la cultura è caratterizzata dal mutamento, risultato della rivoluzione spazio-temporale e dei progressi della scienza e della tecnica, e le persone s’incontrano più frequentemente, per motivi più svariati, è necessario cambiare tutti e lavorare per il futuro.

Il cambiamento da promuovere chiama in causa in primis la scuola, che ha facoltà di agire direttamente sulle menti dei bambini, delle bambine e degli adolescenti, e indirettamente sulle loro famiglie, promuovendo la nascita di buone pratiche, tra cui la conoscenza-rispetto-amore per la propria terra e l’accoglienza del turista- viaggiatore.

Anche altre istituzioni (sociali, economiche e politiche soprattutto) devono dare il proprio contributo, interfacciandosi, non agendo in modo separato, “facendo sistema” – espressione ormai logora, ma attuale- potenziando – in molti casi facendo nascere e consolidando- infrastrutture e servizi.

Bisogna fare sistema – interviene Antorio Gelormini, manager del turismo- collegando le località garganiche tra di loro, queste con la Daunia, le Murge e il Salento facendo in modo che il turista visiti tutta la Puglia e vi ritorni. Occorre ripensare i vecchi itinerari reigiosi continentali e persino intercontinentali (“via francigena”, “via sacra langobardorum”) coniugando cultura e natura.

Perché il sistema turistico garganico si sviluppi, sono richieste inoltre la sinergia degli operatori, che non devono chiudersi e vedere nell’altro imprenditore il concorrente, l’assunzione di rischio da parte degli imprenditori, la cura della formazione.

Se l’economia del territorio valorizza le proprie positività, se i punti di forza del Gargano sono rappresentati dalle bellezze paesaggistiche, dalle spiagge e dalle acque pulite, dai miti, riti e storie, dai canti di serenata e tarantelle, dalle case rurali e dai centri storici, dai prodotti ittici e miticoli, caseari e artigianali, olivicoli, agrumari, dai cibi genuini, …, è su questo tessuto culturale che deve muoversi l’imprenditoria del Mezzogiorno. Un tessuto, che si rinnova, perché la cultura non può risolversi nell’evocazione di fantasmi, tanto meno ridursi a merce.

Ritengo che i giovani siano le risorse imprenditoriali del futuro; penso, però, che essi abbiano bisogno di “sostegni” e di “spazi”, che – ahimé- le istituzioni non sembrano, di fatto, volere concedere (vedi le lungagini burocratiche, gli ostacoli economici che paralizzano le idee, i progetti scolastici non finanziati). I giovani insomma non hanno voce e dimenticano persino la protesta. Gli effetti sono l’emarginazione, il ripiegamento e la fuga, la potenziale desertificazione di molti centri del Gargano. Comportamenti d prevenire e curare finché si è in tempo facendo “rete”.

 

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 1 settembre 2008 in notizie di cronaca

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: